Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Screening oncologici, Asl di Rieti invia ai cittadini 6.400 inviti ad effettuare gli esami

  • a
  • a
  • a

La Asl di Rieti è impegnata, anche nel 2021, nella promozione degli screening oncologici, affinché tutti i cittadini percepiscano l’esame come un atto di responsabilità verso la propria salute.  Il cancro della cervice uterina, della mammella e del colon retto sono tre dei principali tumori che colpiscono la popolazione residente. La loro storia naturale, però, può essere modificata dagli screening. In alcuni casi lo screening riesce a evitare l’insorgenza del tumore, in altri può salvare la vita. Quando questo non è possibile, la diagnosi precoce consente comunque di effettuare interventi poco invasivi e non distruttivi. Oltre a ridurre la malattia, quindi, gli screening favoriscono l’evoluzione e il miglioramento delle tecniche diagnostiche e chirurgiche, un ulteriore beneficio per la popolazione. Gli screening oncologici sono dunque un complesso investimento per la salute, che ha come risultato una riduzione del numero dei tumori.   Per raggiungere questo obiettivo è necessaria la partecipazione convinta di tutti i cittadini. Per questo motivo, la Asl di Rieti ha spedito in questi giorni, su tutto il territorio della provincia di Rieti, ulteriori 3700 inviti per lo screening mammografico e ulteriori 2700 inviti per lo screening del tumore della cervice uterina, mentre sono 27 mila gli inviti per lo screening del colon retto inviati sino ad oggi con kit dedicato a tutti i cittadini che rientrano nella fascia di età di riferimento. Gli ulteriori inviti inviati, consentono a tutta la popolazione delle fasce di età previste, di effettuare gratuitamente questi esami salvavita. Si ricorda pertanto, a chi ha ricevuto l’invito per posta, di aderire agli screening oncologici prenotandosi direttamente al numero verde 800646999 dalle ore 9:00 alle ore 13:00, anche lasciando un messaggio in segreteria, oppure tramite mail all’indirizzo [email protected] Si ricorda che per lo screening mammografico la fascia di età prevista va dai 50 ai 69 anni e può essere estesa, a richiesta dell’utente, fino a 74, per la ricerca del sangue occulto nelle feci è dai 50 ai 74 anni, per il test hpv è dai 30 ai 65 anni.