Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, piano tariffe acqua: la palla passa a Cicchetti

  • a
  • a
  • a

Il piano tariffario dell’Aps è un argomento solo rinviato. Da una parte i comuni (46) che hanno espresso in maniera netta la loro contrarietà all’aumento delle tariffe idriche e anche alla gestione di Aps; dall’altra una serie di soggetti che stanno cercando di ricomporre la frattura, cercando una medizione politica che oggi sembra molto difficile e che dovrebbe portare nei prossimio giorni a ridiscurre un piano che dovrebbe prevedere un aumento delle tariffe seppur calmierato. Intanto nell’ulltima seduta del consiglio comunale di ieri in occasione della discussione sulla delibera di ricognizione delle società partecipate dal Comune di Rieti è stato approvato, all'unanimità, una risoluzione a firma dei consiglieri comunali Giusuè Calabrese, Andrea Sebastiani e Roberto Casanica dall'importante valore politico- programmatico. Con il voto favorevole anche del sindaco Antonio Cicchetti e di tutti i consiglieri di opposizione, il consiglio comunale ha dato espresso mandato allo stesso primo cittadino, affinché in seno al Comitato di Controllo Analogo di Acqua Pubblica Sabina, eserciti con determinazione e incisività azione di verifica e razionalizzazione delle spese per personale e consulenze che, dicono i tre consiglieri regionali, “nell'ultimo biennio, sono lievitate in maniera importante, con conseguente aggravio delle bollette a carico di cittadini e imprese.
È evidente che l'aumento delle spese, da un lato, in una società interamente pubblica come Aps, comporta l'inevitabile necessità di incrementare le entrate dall’altro, nel rispetto del principio del pareggio tra costi e ricavi. L’aumento dei costi del servizio si traduce inevitabilmente - continuano Calabrese, Sebastiani e Casanica - nell'aumento delle tariffe a carico dell'utenza. Questo non è più tollerabile né giustificabile. Chiediamo pertanto chiarezza e trasparenza da parte dei vertici di Aps e in questa opera di verifica delle spese per personale e consulenze nonché per le somme derivanti dall'interferenza d'ambito il sindaco Antonio Cicchetti deve recitare un ruolo forte e determinante, proprio nella sua qualità di componente del Comitato di Controllo Analogo”.
Un equilibrio tra efficienza nella gestione del servizio e la razionalizzazione della spese.
“Tutto questo deve essere fatrto in ossequio alla normativa vigente che impone al Comune di Rieti non soltanto una valutazione in ordine all'utilità di mantenere partecipazioni societarie, ma anche l'adozione di misure di razionalizzazione dei costi con l'obiettivo di rendere più efficiente, efficace ed economico il servizio”, concludono i tre consiglieri comunali Andrea Sebastiani, Giosuè Calabrese, Roberto Casanica.