Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, vaccini anti Covid: in campo 50 persone

Monica Puliti
  • a
  • a
  • a

Cinquanta professionisti tra medici, infermieri e operatori socio sanitari e amministrativi, reclutati attraverso un avviso pubblico risalente all’11 dicembre scorso, per far fronte al “più importante intervento di sanità pubblica degli ultimi decenni”, come ha definito la campagna di vaccinazione anti Covid il direttore generale della Asl reatina, Marinella D’Innocenzo. Le 50 unità, già operative, fanno parte dell’esercito dei 15 mila operatori – 3 mila medici e 12 mila tra infermieri e assistenti sanitari - ingaggiati da Nord a Sud Italia per la campagna vaccinazione, reclutati e assunti con contratto a tempo determinato per nove mesi rinnovabili. Saranno anche loro a somministrare il vaccino che, come noto, sarà destinato in via prioritaria a operatori sanitari e socio-sanitari, sia pubblici che privati, a residenti e operatori delle 5 residenze sanitarie assistenziali e delle 73 strutture socio-assistenziali oltreché delle strutture sanitarie private del territorio. Ciò contribuirà a mantenere la resilienza del servizio sanitario e a tutelare i residenti delle strutture, ad alto rischio di malattia grave a causa dell’età; poi, man mano che aumenterà il numero disponibile delle dosi di vaccino, si comincerà con le altre categorie: persone con fragilità di età avanzata e quelle appartenenti ai servizi essenziali quali insegnanti, personale scolastico, forze dell’ordine, personale delle carceri eccetera. L’obiettivo, come ha sottolineato il dg della Asl, è quello di arrivare a vaccinare il 90% della popolazione residente entro il 2021. Prima ancora, a fine ottobre, un altro avviso pubblico aveva riguardato il reclutamento straordinario di personale medico in quiescenza di varie discipline (malattie infettive, anestesia e rianimazione, radiodiagnostica, patologia clinica, igiene e medicina preventiva, malattie apparato respiratorio, virologia e microbiologia, medicina e chirurgia d’accettazione d’urgenza) “per urgenti esigenze assistenziali sanitarie da emergenza Covid” con disponibilità immediata.