Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Passo Corese, la scuola paritaria Santa Croce chiude dopo 63 anni

Paolo Giomi
  • a
  • a
  • a

Passo Corese, dopo essere stata ad un passo dalla chiusura, lo scorso inverno, e aver visto la sopravvivenza solo al termine di una serie di appelli della cittadinanza, che si è impegnata in prima persona per salvaguardarne storia e offerta formativa, alla fine, purtroppo, la scuola dell’infanzia paritaria “Santa Croce”, vero e proprio emblema della comunità coresina, chiuderà ufficialmente i battenti al termine dell’anno scolastico in corso, e cioè la prossima primavera. La comunicazione, che ha immediatamente riacceso il dibattito sia nelle piazze reali che in quelle virtuali della popolosa frazione di Fara Sabina, è stata data direttamente dai vertici della parrocchia di Passo Corese ai genitori degli alunni iscritti, scesi sotto la “soglia di guardia” a tal punto da non rendere più sostenibili, da parte della Diocesi di Poggio Mirteto, le spese di gestione del plesso di via Ternana.
Quegli stessi genitori esortati, senza troppi giri di parole, a cercare una nuova destinazione scolastica per i propri figli, sia quelli della sezione primavera, sia quelli della materna. Cinquanta iscritti circa, in tutto, che ora dovranno trovare nuove destinazioni, tra le materne pubbliche di Fara Sabina, tutte alle prese con gestioni rese più che mai difficoltose dall’emergenza sanitaria.
A nulla è servito, dunque, il piano di progetti messo in campo dal comitato dei genitori formatosi lo scorso gennaio proprio per scongiurare la chiusura della scuola; idee per ottimizzare gli spazi del complesso di via Ternana al fine di portare introiti nelle casse della parrocchia e compensare così il “passivo” della scuola paritaria. Ma non è stata certo la determinazione dei genitori a venire, meno, quanto, piuttosto, una sorta di “indifferenza” mostrata dalla gestione del plesso. La quale, forse, aveva già incamerato da tempo la chiusura dell’istituto, tanto da non supportare la campagna di incentivazione alle iscrizioni, che restano la principale fonte economica della scuola.
Così ora, dopo 63 anni di illustre ed onorata storia, la scuola paritaria Santa Croce chiuderà dunque i battenti, tra lo sconcerto e l’amarezza di tutti i coresini. E l’incredulità di chi sta sostenendo, in queste ore, che qualcosa per salvare l’istituto poteva essere e doveva essere fatto. Già a gennaio il Corriere di Rieti riportò in anteprima la notizia della ventilata chiusura della scuola. Che ora sembra avverarsi