Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Vende consolle online ma non le consegna

  • a
  • a
  • a

Metteva in vendita on line consolle musicali di ultima generazione ma che non spediva agli acquirenti tenendosi per sè i soldi. Una truffa scoperta dalla guardia di finanza di Ascoli Piceno che ha denunciato un 25enne rumeno residente in città.
L’indagine delle fiamme gialle ascolane ha preso origine dalla denuncia di un 32enne di San Benedetto del Tronto dopo aver notato uno dei tanti annunci pubblicati sui siti che offrono opportunità di vendite ai privati. Una consolle musicale, con funzionalità del tutto particolari ed innovative “All-in-one”: effetti beat e collegamenti esterni con altre sorgenti; prezzo competitivo, schermo touchscreen, tastiera digitale, mixer, effetti di colore del suono, un affare irresistibile ed anche imperdibile. Ma evidentemente non per l’ignaro acquirente.
Una vera e propria truffa che ha visto al centro il 32enne sambenedettese, che, nonostante avesse ottenuto prima dell’acquisito, il numero di cellulare ed anche dell’Iban bancario del venditore la copia del documento di identità, dopo giorni di vana attesa, persa ogni speranza di godersi l’agognata consolle e, soprattutto, non intravvedendo spiragli per poter recuperare la significativa somma versata in anticipo, si è rivolto al Comando provinciale della Guardia di Finanza di Ascoli Piceno, denunciando l’accaduto.Subito sono partite le indagini di circostanza. L’Iban verso il quale era stato onorato il pagamento anticipato conduceva ad una carta prepagata, “bloccata” pochi giorni dopo il bonifico e che il nominativo dell’intestatario dell’utenza cellulare fornita in fase d’acquisto era diverso da quello dichiarato nel corso delle trattative.
Queste due prime evidenze investigative hanno effettivamente delineato i contorni di una truffa, come denunciato dalla vittima che, alla fine, hanno portato all’individuazione del 25enne rumeno domiciliato a Monterotondo, gravato da molteplici precedenti proprio per reati contro il patrimonio e frode informatica, aventi tutti lo stesso comune denominatore: una consolle musicale “All-in-one”, mai spedita a seguito dell’avvenuto pagamento da parte di una moltitudine di ignari clienti.
Le indagini hanno rilevato l’esistenza a carico del truffatore seriale di ben 30 denunce, riferite ad un arco temporale di circa 4 anni, la vittima della truffa potrà ottenere il ristoro dei danni subiti. Ma gli accertamenti hanno permesso di identificare l’intestatario dell’utenza telefonica (D.L.M., 38enne di Isernia) usata dal rumeno ed utilizzata per perpetrare la truffa. Il 38enne molisano è risultato pluripregiudicato per analoghe vicende di truffa, tutte perpetrate in concorso con lo stesso giovane rumeno in diverse località italiane.