Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

"Rieti città in crisi e 23 supermercati sono troppi"

  • a
  • a
  • a

Ventitré supermercati tra Rieti e Cittaducale (addirittura 25 fino all’anno scorso), un numero enorme se rapportato al numero di abitanti del territorio. 
Nuova denuncia del responsabile provinciale dell’associazione nazionale “Antonino Caponnetto”, Roberto Fallerini, che snocciola alcuni dati: “La superficie di Gdo – grande distribuzione organizzata – a Rieti è di 880 metri quadrati ogni mille abitanti, ossia quattro volte superiore alla media del Lazio e di 2,3 rispetto alla media nazionale (fonte Confcommercio). Se a ciò si aggiunge anche il dato inerente il prodotto interno lordo pro capite del territorio (basso), allora è chiaro che qualche domanda va fatta e qualche risposta pretesa”. 
Specie se gli interrogativi in questione si accompagnano agli esposti presentati in questi anni da alcune associazioni di categoria e alle denunce da parte dei cittadini. “Il fatto poi – aggiunge Fallerini – che si è conclusa l’indagine per bancarotta fraudolenta e documentale di una cooperativa locale per oltre 17 milioni di euro, è la conferma che vi sarebbero criticità riconducibili nell’ambito della distribuzione alimentare”.
In relazione a questa situazione, il responsabile provinciale dell’associazione Caponnetto si fa portavoce dell’esigenza di costituire un presidio della medesima associazione “al fine di contrastare l’illegalità e le mafie a tutti i livelli”, esprimendo inoltre la disponibilità ad accogliere denunce, segnalazioni e criticità, nel pieno rispetto della privacy di ciascuno, “accompagnando tutti gli operatori economici che necessitano di aiuto o consulenza”. 
“Abbiamo sempre messo in evidenza la grande superficie a disposizione della grande distribuzione sul territorio così come i permessi rilasciati in questi anni in rapporto al numero di abitanti”, commenta Leonardo Tosti, presidente di Confcommercio Rieti. 
La presa di posizione di Fallerini fa seguito alla risposta data dal sottosegretario agli Interni, Achille Variati del Pd, all’interrogazione parlamentare presentata da otto senatori. Secondo il presidente dell’associazione, il sottosegretario avrebbe fornito risposte, in merito all’argomento in questione, non rispondenti ai dati oggettivamente esistenti a Rieti, come quello relativo al numero di supermercati, discount e altri punti vendita assimilabili alla grande distribuzione, indicati come 15 anziché 23, sminuendo la problematica sollevata.