Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, la Asl di Rieti sui contagi nella casa alloggio per anziani di Magliano Sabina: "Rispettate le normative"

  • a
  • a
  • a

Focolaio Covid nella casa alloggio per anziani di Magliano Sabina. La Asl: "Nella struttura normative rispettate".

L'azienda sanitaria interviene sul polverone che è stato sollevato dopo che nei giorni scorsi si è diffusa la notizia che quasi tutti gli ospiti della casa alloggio sono stati contagiati dal Covid-19 e che due persone, ricoverate fuori provincia, sono decedute. Fatto che ha scatenato un durissimo scontro politico a Magliano Sabina con la Lega che ha mostrato dei messaggi che, a detta del capogruppo Riccardo Corsetto, provengono dall'interno della struttura e nel quale si descriveva una situazione difficile per quanto riguarda i contagi e le protezioni delle operatrici. Corsetto ha annunciato un esposto in Procura e ieri ha chiesto le dimissioni del sindaco Giulio Falcetta.

In ogni caso nel pomeriggio del 26 novembre la Asl ha ricostruito quanto avvenuto nei giorni scorsi con un a nota ufficiale: "La Comunità alloggio, gestita da una cooperativa sociale contrattualizzata dal Comune di Magliano Sabina, è soggetta a monitoraggio e controlli periodici da parte degli Uffici di competenza della Asl di Rieti, come accade per tutte le Strutture socio assistenziali private presenti sul territorio della provincia di Rieti.   Su segnalazione del sindaco di Magliano Sabina, l’azienda sanitaria locale di Rieti si è attivata attraverso il servizio di assistenza proattiva infermieristica e tra la giornata del 9 e quella del 10 novembre ha effettuato i rilievi clinico-assistenziali dei casi e i tamponi nasofaringei (ripetuti ogni 5 giorni) a tutti gli ospiti presenti e agli operatori della struttura privata: mentre si è appreso che per altri, il gestore della Comunità alloggio, aveva già fatto ricorso alle cure ospedaliere in una struttura extra provinciale"    

In data 12 novembre, è stato espletato un sopralluogo dal personale afferente all’Igiene pubblica e alla sicurezza dei luoghi di lavoro della Asl di Rieti, "al fine di verificare i requisiti della struttura e la messa in campo delle azioni previste per il contenimento del virus, come da procedura aziendale, per tutte le strutture socio sanitarie e socio assistenziali".   

"Dal sopralluogo - dicono dalla Asl -  si è constatato che i due locali che presentavano irregolarità segnalate precedentemente dai Nas non erano al momento utilizzati per l’assistenza agli ospiti e che l’applicazione delle disposizioni previste dalla normativa vigente in materia di contenimento del virus, (utilizzo Dpi per gestione casi positivi, confinamento positivi e isolamento dell’unico ospite negativo presente, blocco ingressi struttura etc.) era rispettata. Tutti gli ospiti presentavano un buono stato assistenziale e condizioni cliniche stabili."