Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Emergenza coronavirus, Fratelli d'Italia chiede alla Regione di cambiare i vertici della Asl di Rieti

  • a
  • a
  • a

La nota è durissima e la sintesi pure. Il coordinamento cittadino di Rieti e regionale di Fratelli d'Italia chiede la testa della direttrice generale della Asl Marinella D'Innocenzo invitando l'assessore regionale alla sanità Alessio D'Amato a fare altre scelte quando, tra qualche giorno, dovrà decidere se mantenere l'attuale direttrice o nominare un'altra persona. La dirigente è in scadenza a inizio dicembre e fino a qualche settimana fa la sua conferma era data per scontata. Ma la gestione di questa seconda ondata del Covid tuttavia ha creato qualche malcontento e Fdi ora passa all'attacco con una durissima nota: "La misura è colma, Il numero dei positivi al Covid in città e in provincia continua a salire e troppe sono le criticità del nostro sistema sanitario. Qualcosa alla Asl di Rieti non sta funzionando nonostante dalla stanza dei bottoni qualcuno si ostini a sostenere il contrario", si legge nel comunicato. Poi dal partito della Meloni rincarano: "Non è vero che va tutto bene, che i pazienti, come il personale medico ed infermieristico, lodevole per l’impegno profuso ormai sopra le forze e a rischio contagio, possono contare su una cabina di regia dove chi siede ai posti di comando sa esattamente cosa fare. Ce lo dimostrano ogni giorno le telefonate e i messaggi di cittadini ed associazioni stanchi di un sistema traballante che non ha più basi solide per gestire una pandemia di tale portata". Insomma un atto d'accusa netto verso l'attuale dirigenza. "Il tracciamento dei contatti con soggetti positivi e il monitoraggio dei pazienti positivi domiciliari è saltato, anzi non è mai partito, per carenza di personale o magari perché i numeri facevano paura, sono mesi che i cittadini disperati ed impauriti, chiedono una comunicazione chiara".
"E a rendere ancora più critica una situazione che di chiaro ha ben poco arriva la notizia che gli interventi di Chirurgia Complessa saranno trasferiti al Villa Tiberina Hospital di Roma mentre gli ambulatoriali a Magliano Sabina", continuano.
Poi la richiesta, abbastanza esplicita, di cambiare i vertici: "Chiediamo all'assessore D' Amato di porre attenzione nella nomina del futuro dirigente Asl di Rieti, valutando attentamente titolo professionale, curriculum e capacità perché,  se si dovesse proseguire come operato fino ad ora e con le medesime figure verticistiche, non ci stupirebbe che, con la scusa del Covid, si arriverà al tanto temuto declassamento del nostro nosocomio".