Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Ladri, a Fonte Nuova residenti e commercianti organizzano i gruppi di controllo per difendersi dai furti

  • a
  • a
  • a

Fonte Nuova si affida per la sicurezza ai “gruppi di controllo del vicinato”, ovvero quei gruppi costituiti sia da residenti che da commercianti che promuovono, collaborando con le amministrazioni comunali e le forze dell’ordine, la sicurezza Partecipata. La Giunta comunale ha approvato una delibera con la quale si chiede al comandante della Polizia locale di preparare una convenzione per la definizione di un rapporto stabile e durevole tra i diversi gruppi di controllo del vicinato e l’amministrazione. In sintesi, si chiede ai cittadini di aiutare le forze pubbliche locali, in cronica sofferenza dal punto di vista dell’organico. I Comuni ormai non hanno fondi per assumere nuovo personale e, da tempo, cercando vie alternative per garantire la sicurezza de cittadini. Nella delibera, infatti, si legge che il Corpo di Polizia Locale “è già altamente impegnato in altre funzioni di verifica e controllo del territorio, che sta avendo un incremento esponenziale della popolazione”.

Funzioni rese ancor più stringenti e pressanti con il Covid e tutte le restrizioni introdotte negli ultimi mesi per fronteggiare l’emergenza. “In molte zone della città – si legge ancora testuale - in diversi parchi e aree verdi della cittadinanza sono allocati spazi ludici per bambini, per cui si rende necessario potervi operare un costante controllo”: traducendo, si vogliono controllare con maggiore attenzione i luoghi sensibili della città, quelli di maggiore aggregazione dove “si riscontrano sempre più danneggiamenti o imbrattamenti agli arredi urbani”. Quindi, “al fine di aumentare il necessario controllo, atto al rispetto delle vigenti normative” si chiede “di sensibilizzare e favorire la predisposizione di un progetto per la costituzioni di gruppi di controllo del vicinato, come forma di presidio mobile del territorio, con il compito di segnalare alle Forze dell’ordine eventuali zone con criticità di ordine pubblico”. Sarà molto interessante in cosa consisterà il progetto, quali “poteri” avranno i cittadini coinvolti e cosa potranno e non potranno fare. Secondo la Giunta questa iniziativa gioverà “ad un rinnovato senso civico e di appartenenza, indispensabile ad un sano tessuto sociale, necessario per la crescita civile di una cittadina come la nostra”.