Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

La Fiom: “Polo logistico: riservare una fetta di nuovi occupati agli ex lavoratori del Nucleo industriale"

Esplora:
default_image

leo. ran.
  • a
  • a
  • a

Con il polo della logistica che prende forma e Amazon che posa simbolicamente la prima pietra, aumenta il pressing delle parti sociali su istituzioni e imprenditori affinché il rilancio dell'area possa strizzare l'occhio anche a chi in questi anni è rimasto fuori dal circuito del lavoro. Una speranza rilanciata dal segretario della Fiom Cgil, Luigi D'Antonio, che punta tutto su questa partita e chiede in qualche modo garanzie a monte sperando che la politica possa blindare una percentuale di nuovi posti per chi è rimasto alla porta delle vertenze. "Dopo gli annunci di questi anni - dice il segretario - sono finalmente concreti gli investimenti all'interno del polo della logistica di Passo Corese, così come dimostrato anche dall'iniziativa di questi giorni del colosso americano dell'e-commerce, Amazon". Un'iniziativa alla quale si spera possa seguire anche un rilancio del nucleo industriale di Rieti-Cittaducale, per dare soluzione alle vertenze tutt'oggi aperte e alla luce della forte attenzione per lo "sviluppo all'interno del polo della logistica, soprattutto per quanto riguarda gli aspetti occupazionali". Con la richiesta "che questo sviluppo non dimentichi i soggetti più deboli e tra questi tutti quei lavoratori che negli anni hanno perso il lavoro al Nucleo e che con il passare degli anni hanno sempre maggiori difficoltà a essere rioccupati". IL SERVIZIO COMPLETO SUL CORRIERE DI RIETI E DELLA SABINA IN EDICOLA IL 12 FEBBRAIO