Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Bancarotta ippodromo Tor di Valle, chiesti cinque anni per Gaetano Papalia

  • a
  • a
  • a

La bancarotta dell’ippodromo di Tor di Valle Srl, buco da 22 milioni di euro nel 2013, sarebbe stata fraudolenta, secondo quanto riportato da Il Fatto Quotidiano. La Procura di Roma ha infati chiesto la condanna a 5 anni per Gaetano Papalia e tre anni per il fratello Umberto, soci della Sais Spa e amministratori dell’Ippodromo. I fratelli Papalia avrebbero architettato – secondo quanto riportato nell’articolo de Il Fatto Quotidiano – una serie di operazioni per spogliare dai debiti la Sais e passarli alla Ippodromo, in modo da distrarre il patrimonio, eludere le imposte e poter cedere i terreni, dove sarebbe dovuto sorgere lo stadio della Roma, alla Eurnova di Luca Parnasi. La Procura di Roma ha chiesti 2 anni e 8 mesi per Mario Ciccozzi (liquidatore della società Ippodromo) e Michele Saggese (amministratore unico Sais).