Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Coronavirus, a Rieti 14 nuovi positivi. C'è anche una bambina di 11 anni. I positivi diventano 248

Esplora:

  • a
  • a
  • a

Coronavirus, a Rieti 14 nuovi positivi. C'è anche una bambina di 11 anni. I positivi diventano 248.

I nuovi positivi sono a Rieti (donna 58 anni, donna 55 anni, donna 81 anni, donna 18 anni, bambina 11 anni, uomo 62 anni, cluster già noti e isolati), Configni (donna 38 anni, uomo 41 anni, cluster già noto e isolato), Fara in Sabina (donna 60 anni, cluster nuovo), Selci (uomo 38 anni, cluster già noto e isolato),  Cantalupo in Sabina (uomo 45 anni, uomo 45 anni, uomo 44 anni, cluster già noto e isolato), Accumoli (donna 53 anni, cluster nuovo). 

Contatti in sorveglianza domiciliare: 455. Soggetti usciti dalla sorveglianza domiciliare: 14. Guariti: 3 uomini Rieti, donna Configni, donna M. S. Giovanni. 

Totale positivi in provincia di Rieti: 248.Nelle ultime 24 ore presso il drive-in della Asl di Rieti sono stati eseguiti 247 tamponi nasofaringei.  

“Mentre la curva dei contagi continua a salire, anche in provincia di Rieti, continuiamo ad assistere a comportamenti irresponsabili che potrebbero avere delle conseguenze ancor più deleterie, non solo per quanto riguarda gli andamenti delle dinamiche epidemiche, ma anche per quanto riguarda eventuali ulteriori provvedimenti da prendere. L’ondata minimizzatrice sulla pandemia, che si sta diffondendo prepotentemente nella comunità, ci addolora e preoccupa. Ci addolora per lo sforzo profuso dai nostri operatori sanitari, che dallo scorso febbraio, senza soluzione di continuità, stanno cercando di fronteggiare i contagi evitando la diffusione del virus. Ci preoccupa il mancato rispetto delle misure di prevenzione da parte di molti cittadini, che non vogliono dare ascolto alla voce del buonsenso. Per questo torniamo a chiedere con forza di rispettare la distanza fisica, di lavarsi accuratamente e frequentemente le mani e di utilizzare sempre le mascherine, perché il coronavirus è un problema serio e come tale, non può essere sottovalutato”, dicono dalla direzione della Asl.