Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Scuola, l'istituto Luigi da Savoia di Rieti resta senza dirigente scolastico

  • a
  • a
  • a

 Il “Luigi di Savoia” resta ancora senza dirigente scolastico. Nessuno è stato ancora nominato per assumere la guida del’Istituto Superiore d’Istruzione reatino che si trova ormai da tre settimane senza “testa”. Il dirigente uscente, Maria Rita Pitoni, non si spiega il ritardo nell’assegnare all’istituto, in cui ha lavorato per 13 anni, un reggente o un neo assunto che possa assolvere a tutte le necessarie e peculiari funzioni come “procedure amministrative e contabili” - sottolinea - “per le quali urge la figura di un dirigente scolastico”.

Anche se la professoressa Pitoni, prima di prendere servizio come Ispettore tecnico dell’Ufficio scolastico in Umbria, ha provveduto a nominare collaboratori e referenti covid così come a firmare il decreto per l’assegnazione per le cattedre ai docenti, non ha potuto provvedere ad operazioni quali la firma del bando per gli assistenti specializzati o dei contratti per docenti assunti dopo la data del 9 settembre. Ne il direttore dei servizi generali di segreteria ne tanto meno i collaboratori del ds possono firmare atti amministrativi come impegni di spesa, ordini di servizio, graduatorie d’istituto.

Mail di sollecito all’Ufficio scolastico regionale Lazio ne sono state mandate tante, anche da parte dell’Ufficio scolastico provinciale. “Con la dottoressa Vinciguerra ci siamo sentite più volte – ha sottolineato la Pitoni – e si è dimostrata molto attenta al problema ma la questione è irrisolta. La situazione è come quella che si è presentata a Magliano dove il ds è stato distaccato al Ministero dell’Istruzione ma l’istituto è stato assegnato nel giro di pochi giorni in reggenza”. Più giorni passano piu la situazione si profila difficile perché il Savoia è, insieme al "Costaggini", un Istituto superiore cittadino di prima fascia di complessità ossia con una complessità nella gestione particolarmente rilevante ha spiegato la Pitoni: circa 200 tra ata e docenti, quasi 800 alunni di cui 56 portatori di handicap, una azienda agricola da gestire ed amministrare.