Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Droga, ristoratore di Rieti spaccia su Whatsapp fingendo di prendere le prenotazioni per i tavoli

  • a
  • a
  • a

Droga, ristoratore di Rieti spacciata su Whatsapp fingendo di prendere le prenotazioni per i tavoli. Nel giugno scorso era stato fermato per un controllo in Rieti sulla Salaria per L’Aquila, alla guida del suo Suv, ed era stato trovato in possesso di diverse dosi di cocaina.

I militari del nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Cittaducale in quella occasione avevano rinvenuto nel veicolo del 44enne ben 15 grammi di cocaina, all’interno di un astuccio in plastica, già confezionati e divisi in grammi, pronti per lo spaccio.  
L’accertamento di polizia era proseguito con una accurata perquisizione all’interno dell’abitazione del ristoratore dove venivatrovata altra polvere bianca nascosta all’interno della cucina e sequestrati ulteriori elementi probanti l’attività di spaccio, come il materiale per il taglio in dosi dello stupefacente, un bilancino di precisione e la plastica dalla quale erano stati ritagliati diversi “dischetti” tipicamente utilizzati per confezionare le palline di stupefacente. 

L’uomo era cosi finito in manette per “detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti” per il possesso di ben 80 grammi di sostanza dalla quale, veniva accertato, avrebbe ricavato quasi 400 dosi da immettere nel mercato reatino. 

Le indagini del Nucleo Operativo della Compagnia di Cittaducale non si erano però interrotte anzi successivamente si sono focalizzate sui contatti avuti dal ristoratore con la sua clientela

Tale attività ha permesso di accertare come G.F. classe 76 fosse costantemente e professionalmente dedito allo spaccio e come abitualmente intrattenesse rapporti di affari con la clientela tramite l’utilizzo di piattaforme social come Messanger e Whatsapp. Tra i contatti dell’uomo molti giovani reatini che, fingendo di voler prenotare un tavolo al ristorante o di ordinare cibo e bevande, con frasi convenzionali e precedentemente concordate, chiedevano dosi di cocaina: e così che un tavolo da 5 diventava mezzo grammo di cocaina, uno da 10 una dose intera, due lattine di coca-cola corrispondevano a 20 grammi di marjuana.

Lo spaccio avveniva nei pressi del ristorante o in luoghi occasionali, nel centro di Rieti, addirittura in dei casi, da competente ristoratore, l’uomo effettuava un vero e proprio servizio a domicilio. 

È così che nei giorni scorsi G.F. è stato raggiunto da Ordinanza di Custodia Cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Rieti e quindi nuovamente arrestato dai Carabinieri di Cittaducale. 
L’uomo ora, sottoposto agli arresti domiciliari, dovrà rispondere delle gravi accuse per diversi e continuati casi di spaccio di sostanza stupefacente.