Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Corsa contro il tempo per il Teatro Flavio Vespasiano. Lavori lampo poi la richiesta di dissequestro

Alessandro Toniolli
  • a
  • a
  • a

Teatro Flavio Vespasiano: Reate Festival e stagione teatrale ancora in dubbio, l’amministrazione è al lavoro per ottemperare alle richieste di adeguamento al fine di garantire le necessarie misure di sicurezza anti incendio. Il gioiello architettonico della città, universalmente apprezzato per bellezza ed acustica, vive un lungo periodo di incertezze e ordinanze di autorizzazione temporanea, culminato l’11 giugno scorso con i sigilli apposti agli ingressi per il sequestro disposto dall’autorità giudiziaria. Un lungo periodo, in realtà, anche di lavori in corso, rivelatisi però sempre insufficienti per soddisfare le esigenze imposte dalle normative, nonostante le importanti cifre investite in opere e certificazioni. L’autunno dovrebbe però chiarire le prospettive, con l’apertura del Reate Festival prevista per il 24 ottobre, data che dovrebbe avere la valenza di spartiacque.

Sembra che gli ultimi lavori eseguiti per rispondere a quanto richiesto dalle autorità potrebbero essere portati a compimento entro la fine di questa settimana e una volta conclusi l’amministrazione potrà presentare al tribunale di Rieti l’istanza di dissequestro, rendendo finalmente disponibile il teatro Flavio Vespasiano per l’importante evento del Reate Festival e per la successiva stagione teatrale.

Se venissero finalmente sciolti i nodi autorizzativi ci si dovrebbe poi confrontare con le attuali misure di distanziamento, che dovrebbero ridurre le presenze all’interno della struttura a circa 200 spettatori.