Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Monterotondo, bonus affitto bloccato dalla burocrazia. Interrogazione di Di Ventura

  • a
  • a
  • a

Che fine ha fatto il bonus affitto a Monterotondo? Lo chiede, in un’interrogazione preparata per il consiglio comunale del 29 settembre, il consigliere d’opposizione ed ex candidato sindaco Simone Di Ventura. “Molti enti locali lo hanno fatto in tempi record. A Monterotondo, invece, la pratica si è fermata nelle maglie della burocrazia. E centinaia di richiedenti sono ancora in attesa di ricevere il bonus affitto” accusa Di Ventura, il quale vuole sapere, direttamente dal sindaco Riccardo Varone, cosa sia effettivamente accaduto. “Ad oggi, non ci sono ancora neanche le graduatorie – attacca l’ex candidato sindaco - Voglio davvero capire il perché, da aprile, i cittadini in stato di necessità che hanno presentato domanda per ottenere le agevolazioni finanziate dai soldi regionali, stanziati per l’emergenza Covid, ancora non hanno visto un euro. Già a luglio, le richieste per il bonus affitto erano centinaia. Ma ad oggi, a più di tre mesi e mezzo dalla fine del lockdown, non solo le somme non sono state erogate, ma non risulta pubblicata, stando agli atti del Comune, nemmeno la lista degli aventi diritto”.

Il bonus affitti è pari al 60% dell’ammontare mensile del canone o al 30% in caso di contratti particolari, come quelli relativi a servizi a prestazioni complesse o di affitto d’azienda, ed è stato inserito all’interno del decreto rilancio. “Nel caso di Monterotondo arriva però oggettivamente troppo tardi – rincara Di Ventura - Tutte le domande presentate sono state verificate dagli uffici di Palazzo Orsini, che già da mesi avrebbero dovuto stilare le graduatorie in base all'Isee e all'incidenza del canone sul reddito dei richiedenti, e liquidare le somme. Perché questo non è avvenuto? - domanda il consigliere - Ora ho chiesto al sindaco di conoscere con urgenza se la trafila burocratica sia ancora lunga e i motivi dei ritardi. Dare risposte ai cittadini che chiedono informazioni è un dovere degli amministratori e Varone non può sottrarsi ancora alle sue responsabilità”. Agevolazioni, ricordiamo, che dovrebbero servire alle persone per riuscire a tamponare i pagamenti in un momento di assoluta emergenza e che per questo hanno il carattere dell’urgenza.