Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Fara Sabina, Pd sconfitto alle comunali. Il partito provinciale chiede commissariamento del circolo

Paolo Giomi
  • a
  • a
  • a

Tanto tuonò che alla fine piovve. Il coordinamento provinciale del Partito democratico di Rieti si appresta ad avanzare alla segreteria regionale del Lazio la richiesta di commissariamento del circolo di Fara in Sabina, considerato, di fatto, il responsabile numero uno della sconfitta elettorale della lista Fara Merita e del candidato sindaco Vincenzo Mazzeo.

Ad ufficializzare quanto, di fatto, diventerà atto esecutivo già lunedì prossimo, è una nota del segretario reatino del Pd, Antonio Ventura, che scioglie le riserve dopo 3 giorni di lungo silenzio. “Siamo convinti che la sconfitta di Fara Sabina fosse evitabile – scrive in una nota la segreteria provinciale del Pd - abbiamo più volte auspicato e lavorato insieme ai vertici del partito regionale e nazionale per gettare le basi, insieme al circolo locale, per un accordo politico più ampio partendo dall'attuale coalizione di governo nazionale; l'unica oggi in grado, una volta messa in campo, di battere le destre. I vertici del pd di Fara in piena e legittima autonomia hanno deciso di percorrere altre strade; schemi e coalizioni che per la terza volta consecutiva pongono il centro sinistra di Fara all'opposizione. Schemi e coalizioni lontani da una attuale fotografia politica e figli di personalismi, protagonismi e lotte interne che poco hanno a che fare con il bene comune di Fara e di tutto il territorio, e in netto contrasto con i principi espressi dal codice etico del PD. Fara sabina, secondo comune della provincia è troppo importante sugli equilibri politici di tutto il territorio per essere gestita come una partita interna o resa dei conti tra gruppi mossi dal rancore. Avanzeremo pertanto alla segreteria regionale e al comitato di garanzia richiesta per il commissariamento del circolo convinti che si debba lavorare per mettere insieme una nuova classe dirigente in grado di rappresentare con entusiasmo l'elettorato del centrosinistra”.

Paolo Giomi