Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Rieti, ripristinato il laboratorio Covid dopo il sabotaggio

  • a
  • a
  • a

Al laboratorio analisi dell’ospedale De Lellis di Rieti ripristinate le apparecchiature manomesse. Evitata interruzione di servizio della sanità pubblica indispensabile per gestione emergenza Covid-19. 
Dopo il primo momento di choc, la direzione Asl si è messa al lavoro ripristinando in pochissimo tempo l’uso delle apparecchiature utilizzate per processare i tamponi Covid-19, manomesse la scorsa notte da ignoti, su cui stanno indagando le Forze dell’ordine. “Grazie ad una serrata interlocuzione con la Regione Lazio e l’Assessorato alla sanità regionale - dice la direzione - è stato così possibile evitare l’interruzione di un servizio di sanità pubblica indispensabile per prevenire e contenere il virus sul territorio della provincia di Rieti. 
La direzione aziendale, vista la gravità dei fatti e nonostante le reiterate posizioni ostative in cui l’Azienda si è imbattuta più volte, che hanno vincolato interventi strutturali più incisivi sui sistemi di sorveglianza, annuncia l’introduzione di misure di sicurezza più stringenti e di un sistema di videosorveglianza, in linea con le norme sulla privacy, in grado di tutelare professionisti e cittadini. “Certi che i fatti occorsi la scorsa notte presso il laboratorio analisi dell’ospedale De Lellis presto saranno chiariti e i colpevoli assicurati alla giustizia”, la direzione ribadisce che “nessuno e nessun atto intimidatorio potrà fermare il cambiamento nella sanità reatina perseguito con determinazione, assicurando costantemente legalità, correttezza, onestà e trasparenza”. 
Le reazione Le prime reazione della politica sono arrivate a poche ore dal sabotaggio di alcuni macchinari del laboratorio analisi del De Lellis. Il primo è stato quello dell’assessore regionale alla Sanità Alessio D’Amato.
“Il sabotaggio del laboratorio per analizzare i tamponi a Rieti e un atto vile e assurdo. Un gesto non tollerabile e un atto contro la salute pubblica. Auspico che vengano individuati i responsabili. La rete del servizio sanitario regionale si è già messa in moto per garantire che non ci sia alcuna interruzione del servizio”.
A stretto giro di posta è arrivata anche la dichiarazione del governatore Nicola Zingaretti, anch’essa dura e forte.
“Vigliacchi criminali! Solo così si può definire chi ha danneggiato il laboratorio di analisi Covid a Rieti. Un danno per la salute dei cittadini. Come RegioneLazio ci siamo già attivati per ripristino, spero che i responsabili siano individuati presto”.