Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Fara Sabina elezioni comunali. Roberta Cuneo incontra i vertici di Coldiretti: "Aps fa pagare troppo gli allacci agricoli"

Paolo Giomi
  • a
  • a
  • a

“Grazie alla Coldiretti metteremo al centro del dibattito il mondo dell’agricoltura, che rappresenta una parte produttiva fondamentale del nostro territorio”. E’ la risposta della candidata sindaco di Uniti Per Fara Roberta Cuneo, che ieri pomeriggio, 8 settembre, ha incontrato i vertici provinciali della Coldiretti. I quali, a loro volta, sono impegnati in un vero e proprio “roadshow” nel secondo Comune della Provincia per presentare a tutti e quattro i candidati (oltre a Cuneo l’associazione degli agricoltori ha esposto le sue proposte anche a Vincenzo Mazzeo, Daniela Simonetti e Marco Marinangeli, ndr) un vero e proprio “manifesto” per il rilancio del settore.

“Uniti per Fara ha elaborato delle proposte messe sul tavolo della Coldiretti – prosegue la Cuneo - le problematiche sono diverse, alcune nuove, come la necessità per gli agricoltori di sfruttare le tecniche che la scienza applicata all’agricoltura oggi offre, da qui la proposta di una formazione mirata per gli agricoltori per poter realizzare impianti innovativi che proteggano le coltivazioni dagli agenti atmosferici e che garantiscano una continuità nella produzione. Questa formazione professionale potrebbe essere realizzata in collaborazione con l’istituto Aldo Moro, che da anni prepara le future generazioni per la continuazione delle tradizioni agricole, utilizzando anche le nuove tecnologie. Un’altra problematica che vogliamo affrontare e risolvere brevemente - spiega la candidata di Uniti per Fara - è la chiusura dei fontanili, che ha determinato per gli agricoltori una difficoltà reale nell’approvvigionamento dell’acqua se non provvisti di pozzi nei terreni. Oltretutto sappiamo che Aps ha aumentato il costo degli allacci agricoli, quindi vogliamo restaurare i fontanili presenti nel territorio, sia per una questione storica che per una questione funzionale agli agricoltori. Inoltre ci siederemo al tavolo con Aps per una ricontrattazione nella definizione delle tariffe per gli allacci agli agricoltori che veda una riduzione dei costi. Pensando poi a come rilanciare e sostenere il mondo agroalimentare, vogliamo dare una veste nuova alla Fiera dell’olio di Farfa, che deve diventare un momento di condivisione tra tutti i produttori di olio del nostro territorio ma anche con i Comuni limitrofi, penso alla Toscana e all’Umbria, che hanno la stessa natura agricola. Questo porterebbe la Fiera in una dimensione intercomunale, che le darebbe maggiore visibilità e la renderebbe anche volano dell’indotto turistico agroalimentare del territorio. E ancora - afferma la candidata del centrodestra - avvieremo una costante collaborazione con il Consorzio Sabina Dop per la promozione del nostro prodotto principale, l’olio d’oliva extravergine. Un progetto che nascerà, in collaborazione con le associazioni e i proprietari di aziende agricole locali, nell’ottica di una promozione e valorizzazione dei prodotti sabini, sarà un mercato per la vendita di prodotti agricoli e lattiero-caseari”.