Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, sette nuovi casi a Rieti. Ci sono anche due ragazzini di 13 e 11 anni

  • a
  • a
  • a

Coronavirus, sette nuovi casi a Rieti. Ci sono anche due ragazzini di 13 e 11 anni.

E' stato diffuso il bollettino della Asl di Rieti sull'emergenza coronavirus del 27 agosto. All’esito delle indagini eseguite nelle ultime 24 ore si registrano 7 nuovi soggetti positivi al test Covid 19. Una donna di 77 anni cluster Istituto Divino amore di Rieti,  una donna di 25 anni residente a Cittaducale di rientro dalla Sardegna, un uomo di 27 anni di  Pescorocchiano di rientro dalla Sardegna, due ragazzi di 13 e 11 anni di Forano di rientro dalla Sardegna, una donna di 46 anni di Toffia di rientro dalla Sardegna e una cinquantenne di Amatrice entrata in contatto con un positivo a Roma.

Il totale dei positivi nel Reatino sale dunque a 38. Sono 162 le persone in quarantena, nessuno ha sintomi sospetti. 5 i soggetti usciti dalla sorveglianza domiciliare.   Si registra un guarito: si tratta di un bambino di 8 anni

La Asl lancia un appello: “La curva epidemiologica in questo particolare momento è legata prevalentemente ai casi di rientro, giovani e asintomatici. Prosegue, con l’esecuzione dei tamponi, l’attività di testing e tracciamento: la situazione è fortemente monitorata dal personale sanitario Asl Rieti. Nelle ultime 24 ore eseguiti ulteriori 100 tamponi presso il drive-in in via del Terminillo, 42. E’ necessario non abbassare la guardia e rispettare scrupolosamente le misure sanitarie emanate per evitare un ulteriore innalzamento della curva epidemiologica. Grazie al grande lavoro dei sanitari del servizio di Igiene pubblica e del servizio di assistenza proattiva infermieristica API che da mesi, oramai, stanno garantendo, con una costante e delicata attività di prevenzione e contenimento del virus, la salute pubblica nella provincia di Rieti. Un’attività che è molto apprezzata dai cittadini, che si recano presso il drive-in aziendale e nelle ultime settimane, dei tanti viaggiatori di rientro dalle cosiddette zone a rischio, che in queste ore stanno lasciando decine di messaggi di affetto per i nostri operatori. Grazie ai medici, tecnici e al personale infermieristico in prima linea”.