Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, presenze triplicate al lago del Salto

Francesca Sammarco
  • a
  • a
  • a

“Quando è finita l’emergenza e abbiamo potuto riprendere le attività eravamo indecisi e timorosi, non sapevamo se le restrizioni e tutte le misure di sicurezza avrebbero scoraggiato le persone a frequentare i ristoranti, ci preoccupava la riduzione dei tavoli per garantire il distanziamento”. Commentano così, all’unanimità, gli operatori turistici di Borgo San Pietro (Altobelli, Miralago, La Terrazza ed Edoardo Il Pescatore), aggiungendo che “ora ci sentiamo rincuorati, anche se quello che è stato perso durante la forzata inattività (festività pasquali, primo maggio, 25 aprile) non lo recuperiamo”. “Riscontriamo presenze quasi triplicate - dicono -, soprattutto a Ferragosto e nei fine settimana, con volti nuovi che ci auguriamo tornino a trovarci. Noi tutti facciamo del nostro meglio. Rispettiamo le normative, chi ha prenotato trova i moduli per la registrazione direttamente sul tavolo. Il distanziamento è assicurato e i clienti tornano volentieri, perché qui si sentono sicuri”.
Gettonata come sempre la piscina Momimò, pur con la necessità di garantire il distanziamento. Molte le presenze provenienti dall’estero e dal Nord Italia dirette al Sud, che si fermano soprattutto nel Lazio e in Abruzzo, per poi proseguire.  La sosta camper Il Ghiro è stata punto di riferimento di numerosi camperisti, frequentato il punto informativo della Comunità montana sulla superstrada Rieti Torano, che ha distribuito materiale promozionale (richieste soprattutto per le grotte di Val de ’Varri, il Cammino dei Briganti e la Grotta di Santa Filippa). 
Il circolo nautico Il Porticciolo, aperto a luglio, ha lavorato a pieno ritmo, con posti barca, ormeggio, rimessaggio e giro del lago. Buone presenze anche a Fiumata, alla nuova spiaggia attrezzata ‘Oasi di Bianca’, “dove lo sguardo è gentile e il tempo ritrova la cadenza del cuore”, con punto ristoro, area pic nic, sosta breve camper e tende, aperitivo al tramonto, giro in barca. 
Presenze in agriturismo e b&b, ritorni nelle seconde case e case in affitto, penalizzate però dalla carenza idrica che quest’anno è stata particolarmente pesante, con l’auspicio che per la prossima estate il gestore idrico Acqua Pubblica Sabina abbia trovato soluzioni, con allacci al Peschiera, manutenzione rete idrica e autobotti. Insomma, quella che si riteneva essere una pessima stagione estiva ha dato frutti del tutto insperati.