Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Ambiente, a Granica rifiuti abbandonati lungo il torrente Farfa

  • a
  • a
  • a

E’ uno degli angoli più suggestivi della provincia. Un lungo sentiero d’acqua da percorrere immersi in una natura incontaminata e che offre scorci mozzafiato e il cui silenzio è interrotto solo dal cinquettio degli uccelli e dallo scrociare del torrente Farfa. Un angolo della natura però che da qualche tempo accoglie anche rifiuti abbandonati da incivili. E’ quello che accade in particolare a Granica, frazione di Castelnuovo di Farfa. In particolare nella zona delle Cascatelle, stupenda località proprio per la sua particolarità naturalistica. Ignoti hanno lasciato in mezzo alla vegetazione rifiuti di ogni genere. “Uno scempio vero e proprio, tra immondizia e abbandono. C’è l’inciviltà della gente ma anche l’assenza di secchi dell’immondizia. Serve fare qualcosa” denunciano alcuni turisti assidui frequentatori dell’area.

Le cascatelle di Granica fanno parte di un percorso che si snoda per 6,5 km che parte dalla chiesetta romanica, in fase di restauro, di San Donato a Castelnuovo di Farfa per scendere lungo una antica strada abbandonata fino a raggiungere l’alveo del torrente Farfa, con le sue freschissime acque, in prossimità della confluenza con l’incassato e selvaggio fosso di Rasciano: un vero e proprio canyon tra Mompeo e Salisano. Un percorso che si svolge sempre lungo il corso d’acqua e dopo aver oltrepassato il ponte in località Granica si arriva al Parco dei laghi suggestiva e piacevole zona di pesca sportiva. Un luogo da preservare assolutamente.