Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Rieti, quintali di eternit e rifiuti rimossi da via dei Colli: addio discarica a Borgorose

Francesca Sammarco
  • a
  • a
  • a

Una data da ricordare, che segna un momento importante, possiamo dire storico, per il comune di Borgorose: questa domenica, alle 17, “ci riprendiamo finalmente via dei Colli e sarà una grande festa, con animazione organizzata per i bambini (clown con motociclo, truccabimbi, mascotte con l’Allegra brigata) e apericena offerto dalla Riserva naturale Montagne della Duchessa” annuncia il sindaco, Mariano Calisse, che invita tutti i cittadini a partecipare a questo momento significativo.
“Laddove c’erano quintali di eternit e tonnellate di rifiuti di ogni genere torneremo a far giocare i nostri bambini e ci riprenderemo la nostra dignità contro l’inciviltà” (mantenendo le distanze e con le mascherine). Il Comune è impegnato da tempo nella guerra contro l’abbandono dei rifiuti, spesso individuando con le telecamere gli autori di questi gesti di inciviltà e sanzionandoli pesantemente. Più volte il <CF1402>Corriere di Rieti</CF> ha scritto di questa strada, lunga un paio di chilometri, tra le più belle del comune (scorre parallela alla superstrada, sbuca sulla Marsicana nei pressi del casello Valle del Salto della A24, ai piedi del Velino e della Riserva Montagne della Duchessa), trasformata in una discarica abusiva di materiale di ogni genere e oggetto di esposti, denunce, prese di posizione da parte delle amministrazioni che si sono succedute in quasi trenta anni. 
Nel giugno scorso, con un progetto di Comune e Provincia, ognuno per le proprie competenze (il costo per la sola rimozione dei rifiuti è di 130 mila euro circa, che avrebbero potuto avere migliore destinazione), sono iniziati i lavori di rimozione, che sono durati più del previsto: più si ripuliva e più emergevano rifiuti che nascondevano addirittura un chiavicotto stradale, per far defluire le acque piovane sulla vecchia provinciale, risalente probabilmente alle prime sistemazioni carrabili del Regno d’Italia. Nella riqualificazione sono previste illuminazione, telecamere, diradamento boschivo, pista ciclabile. Santina ed Enza Tabellione, cittadine di buona memoria, ricordano che in quella strada, nel 1975, quando non era ancora stata trasformata in discarica, venne girato il film con Claudia Cardinale e Monica Vitti “Qui comincia l’avventura” con la regia di Carlo Di Palma. Lungo quel percorso si svolse l’inseguimento della polizia alle antesignane Thelma e Louise, in sella ad una moto di grossa cilindrata. Altre scene del film vennero girate a Fiumata e Borgo San Pietro ed è nel lago del Salto che finiva la corsa delle due donne.