Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Rieti, record di presenze al Terminillo

Luigi Spaghetti
  • a
  • a
  • a

[/FIRMACITTA-2]Boom di presenze al Terminillo. Questo, in sintesi, è l’effetto opposto (e positivo) del Coronavirus. L’ex montagna di Roma, infatti, sta registrando presenze record e addirittura ad agosto era praticamente impossibile trovare un posto letto da settimane. Insomma i reatini, impossibilitati per diversi motivi a viaggiare, stanno riscoprendo i luoghi più belli della provincia e il Terminillo continuare a mantenere e forse ad aumentare tutto il suo fascino e non solo per gli appassionati della montagna. 
Quest’anno complice il lockdown la montagna reatina è tornata ad animarsi già a maggio. I proprietari delle seconde case, per lo più romani, hanno preferito trasferirsi in quota più che mai convinti che il vaccino anti Covid fosse proprio il Terminillo. 
E così la stazione montana, al netto delle polemiche sul progetto Tsm2 e di alcune criticità ancora fin troppo evidenti, si sta prendendo la sua bella rivincita. Non più popolato solo i fine settimana ma tutti i giorni e questo già da mese di maggio. Lo smartworking ha fatto la sua parte e in molti hanno preferito riaprire le seconde case e trasformarle in “ufficio” con veduta panoramica. E la conferma che in molti stiano riscoprendo la vacanza di prossimità ed il Terminillo arriva anche dal mercato immobiliare che mai come in questo periodo ha conosciuto un incremento importante sia in fatto di vendite che di affitti.
“Molti hanno scelto di fare una vacanza diversa dal solito e soprattutto sicura – fa sapere Eliana Santoboni, agente immobiliare terminillese – e il Terminillo dà ampie garanzie in questo senso. La gente ha preferito affittare un appartamento piuttosto che andare in albergo e anche i proprietari delle seconde case quest’anno invece di affittare hanno preferito passare qui le loro vacanze. Si nota un certo risveglio e interesse per la nostra montagna e non mancano le richieste di acquisto di appartamenti”.
Anche i commercianti terminillesi guardano allo scorcio finale della stagione estiva con ottimismo. “Le presenze sono più che raddoppiate rispetto allo scorso anno ma questo non vuol dire che sarà tutto rose e fiori” sottolineano gli esercenti di via dei Villini. “Certo i segnali sono confortanti e forse anche superiori alle aspettative ma sicuramente questo non basterà a far recuperare le perdite di Pasqua e dei ponti del 25 aprile e del 1 maggio causati dal lockdown che hanno fatto seguito ad una stagione invernale praticamente senza neve e con gli impianti chiusi”.
Anche gli alberghi fanno registrare il pieno anche se “sarà impossibile rimediare alle perdite causate dalle disdette dei numerosi gruppi che avevano prenotato nelle settimane passate” sottolineano gli albergatori terminillesi che in ogni caso si stanno prodigando per mettere a loro agio gli ospiti con servizi all’altezza ed in grado di valorizzare ulteriormente le bellezze naturali della montagna di Rieti. “In montagna il distanziamento sociale è garantito e anche le eventuali iniziative per il mese di agosto saranno fatte nel pieno rispetto delle norme igienico e sanitarie imposte dal Dpcm” concludono con orgoglio gli albergatori.