Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Rieti, la scomparsa del vescovo Chiarinelli: oggi camera ardente nella cattedrale

  • a
  • a
  • a

Forte il cordoglio a Rieti per la scomparsa di Lorenzo Chiarinelli, venuto a mancare ieri sera all'età di 85 anni dopo una breve malattia. Il vesco emerito era nato il 16 marzo 1935 a Pratoianni, frazione di Concerviano, nel reatino. La camera ardente sarà allestita oggi alle 16 presso la cattedrale di Santa Maria in Rieti. Alle ore 21 il vescovo Domenico presiederà una veglia di preghiera. Le esequie saranno celebrate alle ore 11 di domani, 5 agosto, in piazza Cesare Battisti, nello spazio antistante la Cattedrale. Al termine della cerimonia funebre la salma di monsignor Chiarinelli sarà trasferita a Viterbo per la sepoltura. “Sacerdote giovane e colto, dal carattere gioviale ed amabile e dall’eloquio affascinante - lo ricorda il sindaco di Rieti, Antonio Cicchetti -, è stato l’apprezzato maestro di numerose generazioni di studenti reatini che vedevano in lui non soltanto il rassicurante Uomo di Chiesa ma anche il pregevole interlocutore capace di misurarsi con i temi più vari e spinosi della contemporaneità. Nominato vescovo, prima della diocesi di Sora, Cassino, Aquino e Pontecorvo, e poi di Viterbo, ha associato ad un’intensa attività pastorale l’esercizio costante del ruolo di conferenziere stimato e ricercato in ogni parte d’Italia. La fine dell’ultima missione vescovile, per raggiunti limiti di età, lo ha visto, fino a tempi recentissimi, dedicarsi agli amati studi e alla trasmissione orale e scritta dalla sua vasta cultura. Rieti, che lo annovera tra i cittadini benemeriti, esprime vicinanza ai familiari e alla locale Chiesa che ha perduto uno dei suoi più longevi ed autorevoli rappresentanti”.