Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Rieti, il lago della Duchessa avrà il suo guardiano

Francesca Sammarco
  • a
  • a
  • a

Il sindaco di Borgorose Mariano Calisse, insieme ad alcuni consiglieri, ha partecipato alla manifestazione promossa dal Cammino dei briganti “un lago da abbracciare” (a cui ha aderito anche il Wwf Lazio e Abruzzo), a tutela del lago della Duchessa. Il bestiame non deve sostare nel lago dopo essersi abbeverato e dalla scorsa settimana, fino a settembre, un guardiano allontanerà il bestiame dopo l’abbeverata. Le piogge e le nevicate abbondanti sono diminuite, le temperature sono aumentate e questo è un lago carsico, di origine glaciale, con un equilibrio delicato da rispettare: ripulire il fondale può aprire altri pericolosi inghiottitoi, qualunque intervento deve essere preceduto da studi approfonditi come viene richiesto in tutte le Zone Speciali di Conservazione come questa. Calisse ha mostrato la determina della Regione Lazio che assegna 78 mila euro per realizzare due abbeveratoi, come richiesto da tempo dall’amministrazione comunale, ente gestore della Riserva Montagne della Duchessa, che alleggeriranno il carico di bestiame sul lago. Emanuela Peria, tecnico naturalista della Riserva, ha spiegato a tutti i partecipanti gli studi, i progetti e il lavoro che si sta portando avanti, a dimostrazione di quanto “amiamo il nostro territorio e lo vogliamo aperto ad ogni forma di turismo, lo difendiamo in ogni occasione insieme a professionisti e forze dell’ordine – ha dichiarato Calisse - siamo a disposizione di tutte le associazioni ed organizzazioni che portano turisti sulla Duchessa e a visitare il lago, crediamo nella crescita del Cammino dei Briganti e collaboriamo per migliorarlo. Ogni ragionamento però va fatto partendo dal concetto che di tante cose utili una delle poche indispensabili è l’allevamento, allevamento che a Borgorose vuol dire vita, tradizione, sacrificio e soprattutto uomini forti che lo portano avanti”. Tutto ha avuto origine lo scorso anno, a seguito di una petizione su Change.org promossa da Luca Gianotti (Cammino dei Briganti) a difesa del pastore Americo Lanciotti, al quale sono stati uccisi cani pastore negli ultimi anni. Americo chiedeva il ripristino della figura del custode del lago.