Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Magliano Sabina, parchimetri fuori uso: si ritorna alla sosta a tempo con il disco orario

R.S.
  • a
  • a
  • a

Dalle strisce blu alla sosta a disco orario a causa dei ladri che nei giorni scorsi hanno distrutto quasi tutti i parchimetri del centro storico. Sembra quasi di assistere a un revival a Magliano Sabina. Un ritorno agli anni '80 quando, appunto, in piazza Garibaldi e nelle strade del centro storico bisognava munirsi di disco orario e al bar o in farmacia bisognava sempre guardare l'orologio per non trovare una multa sul lunotto dell'auto.

Questa volta la scelta dell'amministrazione comunale è obbligata. La notte del 19 luglio, alla vigilia della riattivazione dei parchimetri dopo la "tregua" per l'emergenza coronavirus, ignoti hanno manomesso gli sportelli di 5 dei 6 parchimetri del centro storico per portare via gli incassi. Un bottino magro visto che la sosta a pagamento era stata "sospesa" da mesi. In ogni caso il grosso del danno sta proprio in quei macchinari scassinati. A Palazzo Vannicelli stanno valutando se ripararli (ma ci sono diverse difficoltà) o sostituirli con parchimetri più moderni. In ogni caso bisognerà trovare i soldi e nel frattempo bisogna rinunciare alle strisce blu.

Mentre continuano le indagini per risalire agli autori del furto aggravato - avvenuto tra l'1.30 e le 4.30 del mattino del 19 luglio – il Comune da lunedì scorso ha rivoluzionato in via provvisoria la sosta nel centro storico. Nelle strisce blu di piazza Garibaldi, largo Francesco Crispi, piazza Vittorio Veneto, piazza del Duomo e via Cardinal de Lai si potrà parcheggiare massimo un'ora esponendo il disco orario. Restano libere la fascia oraria dalle 13 alle 15, quella dalle 20 alle 8 del giorno successivo, domeniche e festivi. Sarà consentita invece una sosta di due ore a via Belvedere, via San Lorenzo (il provvedimento riguarda solo le strisce blu) e il parcheggio coperto di via Circonvallazione.

 

Il tutto servirà al Comune per prendere tempo. Oltre al tema dei parchimetri scassinati c’è anche quello della gestione della sosta pagamento. La convenzione con l’Ati (l’associazione di imprese) che gestiva il servizio, e garantiva anche gli ausiliari per il controllo, è scaduta da mesi e dunque le strisce blu sono tornate sotto il controllo del Comune. L’amministrazione sta valutando se dare di nuovo il servizio all’esterno oppure gestirlo in proprio.

I parcheggi a pagamento a Magliano sono stati istituiti agli inizi degli anni ’90 e dal 2004 in poi il servizio di controllo della sosta su strisce blu è stato affidato, tranne una parentesi della Municipalizzata, ad aziende esterne.