Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, parchi e strade nel degrado. Angelucci invia la lista al sindaco

Paola Corradini
  • a
  • a
  • a

Alle segnalazioni di degrado in cui versano diversi quartieri della città e le frazioni che arrivano costantemente da parte di cittadini si aggiungono ora anche quelle raccolte dal consigliere comunale di minoranza di Rieti Città Futura, Alessio Angelucci. “Ho inviato ufficialmente al sindaco Cicchetti – dice - le segnalazioni che in tanti cittadini mi hanno rappresentato. Non è la prima volta e spero questa volta ascolti le loro richieste. Mi dispiace solo che abbiamo un sindaco a volte sordo a queste importanti richieste. Ma noi andiamo avanti”. Sicuramente l'emergenza degli ultimi due mesi ha bloccato la macchina amministrativa e molti degli interventi previsti sono slittati però il biglietto da visita della città non è dei migliori.

Tra le segnalazioni più frequenti erba incolta e degrado al parco di Madonna del Cuore, marciapiedi invasi d'erba in via Cipriani, mancata potatura dei Tigli in via Loreto Mattei, mancata manutenzione dei tombini, in centro storico ed in periferia, ormai coperti da foglie e terriccio. Manto stradale dissestato sia nei tratti pedonali che in quelli stradali, completo abbandono dell'area sgambatura cani di Campoloniano cui si aggiungono le segnalazioni di degrado nella frazione di Piedimoggio come pure del cimitero dove mancano raccoglitori per fiori e per il residuo e di Cupaello. “Diverse le lamentele che arrivano dalla zona residenziale dove - sottolinea Angelucci - i marciapiedi sono impraticabili e purtroppo non soltanto in quel quartiere. Basti vedere il degrado in cui versa viale Fassini”.

In piazza San Francesco c’è chi come Sabina pulisce il vicolo dove abita “perché sono mesi che non si vede uno spazzino”. Roberta, residente a Villa Reatina domanda se “per via Di Fazio c'è qualche problema occulto visto che ancora non si parla di rifare l'asfalto”. Le fa eco Miriam: “Le strade sono piene di buche così abbiamo strade rotte e macchine rotte”.

Che la colpa non stia solo da una parte, vista l'inciviltà di molti concittadini, è chiaro ma è anche vero che una città più pulita e curata farebbe bene a tutti.