Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

I residenti: "Non riceviamo più posta". Poste Italiane: "Toponomastica carente"

Esplora:
default_image

Francesca Sammarco
  • a
  • a
  • a

"Da quasi un mese non riceviamo più la posta - segnala una cittadina di Pescorocchiano capoluogo e altri residenti delle frazioni- stiamo aspettando delle importanti raccomandate e abbiamo segnalato il problema via email nel sito di Poste Italiane, senza aver avuto risposta. Dopo numerosi tentativi, siamo riusciti a contattare per telefono gli uffici di Rieti solo lunedì scorso. Ci hanno detto che risolveranno il problema, assumendo degli stagionali, ma le nostre cassette postali sono ancora vuote". Il sindaco Mario Gregori ha scritto il 20 ottobre alla direzione di Rieti, ai dirigenti Graziella Angeletti e Alberto Nobili. Sono "Sono pervenute e pervengono a questo ente lamentele da parte degli utenti residenti sul territorio comunale, relativamente alla tempistica della consegna della corrispondenza e segnatamente da quelli residenti nel capoluogo nella frazione di Girgenti. Si confida in un fattivo intervento organizzativo da parte della direzione di Poste Italiane, al fine di rimuovere le cause delle doglianze rappresentate" . Evidentemente Poste Italiane investe più sui servizi finanziari, tralasciando i servizi ai cittadini, sempre più in difficoltà per la soppressione degli uffici e per la riduzione dei giorni di apertura di quelli rimasti. I portalettere per tutto il Cicolano sono circa una decina, che devono coprire un territorio vasto e mal collegato. La fretta per effettuare il servizio porta anche ad incidenti stradali, come avvenuto recentemente (per fortuna senza gravi conseguenze), riducendo ancora di più l'esiguo numero di personale. Il servizio è carente in tutto il Cicolano e la consegna della corrispondenza è diventata problematica, con il rischio di non ricevere in tempo importanti documenti e la scadenza di bollettini di pagamento. Pronta la replica di Poste Italiane: "Nelle ultime settimane può essersi verificato qualche rallentamento nella consegna della corrispondenza a causa delle difficoltà incontrate dal personale applicato dovute alla carente toponomastica della zona".