Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Fara Sabina, la lista del centrosinistra è pronta. Ma resta l'incognita del candidato sindaco

Basilicata pronto a fare pace con Tony La Torre per candidarlo sindaco

  • a
  • a
  • a

La lista elettorale è fatta, o quasi. Per il candidato sindaco, invece, ci sarà ancora da aspettare. La coalizione di centrosinistra riunita sotto il gruppo “FaraMerita” procede a grandi falcate verso la tornata elettorale d’autunno. Nel corso di un incontro tenuto martedì sera i delegati delle sigle politiche e delle associazioni civiche unite nel progetto hanno affrontato e dibattuto su un ampio ventaglio di temi. Tra cui, ovviamente, quello del nome da mettere in cima alla lista, un nodo che al momento non è stato sciolto. Tre i papabili al ruolo di candidato sindaco: i già annunciati Paolo Spaziani, in quota Pd, e Danilo Maestri, leader della neonata “SceltaLibera”, e il socialista Gaetano Desideri, che però sembra essere più defilato rispetto agli altri contendenti. Al momento la situazione è in stallo, e le varie anime della coalizione prendono tempo, mentre sembrano essere già definite, o quasi, le “caselle” della lista dei 16 candidati consiglieri. Non tanto nei nomi, quando negli equilibri tra le varie forze. In attesa che il Movimento 5 Stelle sciolga le ultime riserve – domani è previsto un incontro tra i grillini di Fara e la coalizione di centrosinistra, mentre nei prossimi giorni a riguardo verrà ascoltato anche il deputato reatino Gabriele Lorenzoni, referente del Movimento in provincia – e ufficializzi il suo ingresso nella lista di centrosinistra. A quel punto resterebbero fuori soltanto quelli de “Il Ponte”, anche loro intenzionati più che mai ad arrivare fino in fondo, con la candidatura di Daniela Simonetti.

Intanto il gruppo “Noi Fara” di Davide Basilicata diventa formalmente un’associazione, presieduta dall’ex assessore Maria di Giovambattista, già candidata in lista assieme a Marco Marinangeli, che in molti danno come papabile candidato del gruppo capitanato dall’ex sindaco. Solo voci, per il momento, che in attesa di essere confermate vengono però affiancate da una “pazza idea”. Secondo alcuni rumors, infatti, alla finestra di “Noi Fara” affaccerebbe Tony La Torre, che sembrerebbe pronto a sotterrare l’ascia di guerra in cambio di una candidatura a sindaco. Candidatura che in parecchi considerano addirittura più forte di quella di Marinangeli, e che farebbe guadagnare non pochi punti a Basilicata, soprattutto a Passo Corese. Dove l’ex primo cittadino si giocherà il tutto per tutto, dal momento che, a quanto sostiene qualche beninformato, non poche difficoltà sta incontrando per trovare candidati nelle frazioni. Soprattutto della parte alta, dove il gruppo di Fara 3.0 e di Roberta Cuneo sembra avere ormai issato stabilmente la propria bandierina.