Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Roma, rapinarono connazionale dopo averlo legato con i fili elettrici: arrestati due nigeriani

Pattuglione della polizia

Lo hanno sequestrato e preso a bastonate

  • a
  • a
  • a

Dopo un’articolata attività d’indagine la polizia arresta due cittadini nigeriani responsabili di rapina, in concorso con altre tre persone, avvenuta l’11 febbraio scorso in danno di un loro connazionale. Sono stati gli agenti del commissariato Casilino Nuovo, diretto da Michele Peloso, ad arrestare A.J. e I.C., cittadini nigeriani di 33 e 35 anni, per il reato di rapina aggravata su esecuzione dell’ordinanza emessa dal Tribunale di Roma.

I due uomini, insieme ad altri tre cittadini nigeriani, due dei quali arrestati nell’immediatezza dei fatti accaduti l’11 febbraio scorso a Torre Angela, hanno sequestrato un loro connazionale all’interno della sua abitazione e, dopo avergli legato i polsi con dei fili elettrici e malmenato con un bastone, lo hanno rapinato di 850 euro. La causa scatenante, a dire dei rapinatori, l’uso da parte della vittima dei loro beni personali senza chiedere permesso. L’intensa attività d’indagine ha permesso agli investigatori di arrestare A.J. e I.C.  mentre continuano le indagini per la ricerca del quinto uomo.