Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti: Ex Schneider, corsa contro il tempo per scongiurare 41 licenziamenti

Paolo Di Basilio
  • a
  • a
  • a

Corsa contro il tempo per salvare dal licenziamento i 41 “reduci” delle crisi Schneider ed Elexos. Il 31 luglio scade la cassa integrazione ma sull’eventuale riattivazione dello storico sito del nucleo non c’è ancora chiarezza. Il 15 giugno, come era stato annunciato in precedenza, la Elexos ha riconsegnato le chiavi dello stabilimento alla Schneider. Si è tornati dunque al punto di partenza anche se, da più parti giungono segnali di soggetti interessati al processo di reindustrializzazione che non è riuscito ad Elexos.

“Bisogna fare in fretta e soprattutto bisogna scoprire le carte e metterle sul tavolo”, dice Luigi D’Antonio segretario della Fiom-Cgil di Rieti che da sempre segue la storica vertenza. “Siamo partiti dal 2012 con i 173 licenziamenti di Schneider (che nei tempi d’oro occupava anche 300 persone), fino ad arrivare ai 41 che sono ancora in attesa di una collocazione che per il momento, ancora per poche settimane, prendono i soldi della cassa integrazione” dice il sindacalista che lancia un appello alle istituzioni: “Bisogna lavorare tutti insieme per trovare un soggetto in grado di far ripartire l’ex Schneider e dare lavoro a queste persone evitando la messa in mobilità”.