Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Due nuovi dirigenti per il Comune di Rieti. Ecco chi sono

Si occuperanno di urbanistica e lavori pubblici

Alessandro Toniolli
  • a
  • a
  • a

Due nuovi dirigenti per il Comune di Rieti: Roberto di Marco per il settore dell’Urbanistica e Luciano Di Mario per quello dei Lavori Pubblici. Le due nomine sono frutto della graduatoria pubblicata al termine delle prove nell’ambito dell’avviso pubblico per la ricerca di due nuove figure di profilo tecnico. Gli occhi dei cittadini sono spesso puntati su sindaco ed assessori, ma per il buon funzionamento di un ente i dirigenti ricoprono un ruolo fondamentale. Ora per l’effettivo ingresso in organico sarà necessario attendere l’approvazione del bilancio e quella successiva della Commissione Interministeriale del programma triennale predisposto per le risorse umane.

L’assessore al personale Oreste De Santis è particolarmente soddisfatto del lavoro svolto, certo dell’apporto positivo che i due nuovi dirigenti potranno dare al funzionamento della macchina comunale e fa subito una considerazione “il settore dell’Urbanistica non ha mai avuto un dirigente dedicato, in quanto a quello provvedeva il responsabile dei Lavori Pubblici. Finalmente ogni settore avrà il suo”. Queste nomine sono un passo di quel percorso che verrà indicato dal piano triennale del personale, ma l’assessore conferma “da ora in poi si entrerà solo per concorso”.

Praticamente completato l’organico per quanto riguarda i dirigenti, visto anche l’ingresso di Silvia Ridolfi ai Servizi Sociali e che dallo scorrimento di quella stessa graduatoria dovrebbe emergere un nuovo nome anche per la Polizia Municipale, resta da lavorare per le altre figure professionali necessarie inquadrate in categorie diverse. E’ ancora De Santis a tracciare il programma degli ingressi per i prossimi anni “per la categoria B ci saranno 7 assunzioni nel 2020, 5 nel 2021, mentre per la categoria C nel 2020 saranno assunti in 14, 10 nel 2021 ed 1 nel 2022. A completare arriveranno per la categoria D 9 persone nel 2020, e 10 nel 2021. In totale potremo contare 60 persone che verranno messe a disposizione della città”. Il ruolo del personale è come detto fondamentale perché i politici possano realizzare i loro progetti, e qualche lamentela rispetto ad un personale numericamente non sempre sufficiente a svolgere il lavoro necessario cominciava ad uscire dalle mura di Palazzo di Città, l’assessore Oreste De Santis sembra esserne consapevole e forse per questo forse tira un sospiro di sollievo “non credevo saremmo riusciti a raggiungere questo obiettivo, è stato molto difficile andare a svolgere questi concorsi, ma ora sono soddisfatto perché l’obiettivo che mi ero preposto di completare il quadro dei dirigenti entro il 2020 è stato centrato”.