Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Pronto il nuovo calendario venatoriola caccia si aprirà il 20 settembre

Esplora:

Monica Puliti
  • a
  • a
  • a

La stagione venatoria nel Lazio si aprirà il prossimo 20 settembre e si concluderà il 31 gennaio 2016. A stabilirlo è il nuovo calendario venatorio 2015/2016, approvato con decreto del presidente della Regione, Zingaretti. Nel dettaglio dal 20 settembre al 31 ottobre sarà permessa la caccia alla quaglia e alla tortora; quella al coniglio selvatico, fagiano e merlo dal 20 settembre al 31 dicembre (nelle aziende faunistico-venatorie il fagiano sarà cacciabile fino al 31 gennaio); alzavola, beccaccino, canapiglia, codone, fischione, folaga, frullino, gallinella d'acqua, germano reale, marzaiola, mestolone, moriglione pavoncella, porciglione e volpe saranno cacciabili dal 20 settembre al 31 gennaio mentre la lepre europea fino al 6 dicembre; allodola dall'1 ottobre al 31 dicembre; beccaccia, cesena, tordo bottaccio e tordo sassello dall'1 ottobre al 20 gennaio; colombaccio, cornacchia grigia, gazza, ghiandaia dall'1 ottobre al 31 gennaio e la starna dall'1 ottobre al 30 novembre. Il cinghiale, invece, dall'1 novembre al 31 gennaio con un carniere di due capi. Per quanto riguarda l'addestramento e allenamento dei cani è consentito senza possibilità di sparo dal 30 agosto al 17 settembre, mentre nelle zone a protezione speciale dal 2 settembre. Viene inoltre riconfermata la regolamentazione della stagione passata, nonché del lavoro svolto con i rappresentanti del Comitato tecnico faunistico venatorio regionale, composto dalle associazioni venatorie, associazioni ambientaliste, organizzazioni professionali agricole e rappresentanti delle province. Riconosciuto dalla Regione Lazio, inoltre, a seguito dell'acquisizione del parere vincolante dell'Ispra -Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale, il posticipo della chiusura della caccia al 10 febbraio limitatamente alle specie colombaccio, cornacchia grigia, gazza e ghiandaia, con le modalità di caccia da appostamento (fisso e temporaneo) senza l'ausilio del cane. La principale novità di quest'anno è l'entrata a regime del nuovo tesserino regionale a lettura ottica, distribuito lo scorso anno in via sperimentale.