Rieti, l'assessora dimissionaria Masotti attacca il sindaco: "La città muore e lui gioca a fare il despota"

RIETI

Rieti, l'assessora dimissionaria Masotti attacca il sindaco: "La città muore e lui gioca a fare il despota"

22.05.2020 - 13:54

0

Rieti, l'assessora dimissionaria Elisa Masotti attacca il sindaco: "La città muore e lui gioca a fare il despota".

Dopo che nella serata del 21 maggio ha lasciato la giunta sbattendo la porta e dopo una prima spiegazione su Facebook, l'ormai ex assessora all'innovazione del Comune di Rieti Elisa Masotti (Forza Italia), attacca Cicchetti con una nota in cui non risparmia attacchi al primo cittadino

"Mentre Rieti sta morendo, Cicchetti gioca a fare il despota. E Lo fa dal chiuso della sua stanzetta, ignorando o facendo finta di non sentire le lamentele e il malcontento dei cittadini che dalla nuova amministrazione aspettavano il promesso cambio di passo che non c’è stato", dice l'ex esponente della giunta che aggiunge: "In quella stanzetta che si affaccia sul balcone della piazza si tengono le giunte comunali, convocate quasi sempre all’ultimo momento e dove quasi tutti gli assessori si ritrovano, ignari dei punti all’ordine del giorno, a dover approvare delibere calate dall’alto e non condivise. 'Dover approvare', perché come dice il sindaco 'le mie delibere si approvano all’unanimità'. E se non si è d’accordo? Guai a chi la pensa diversamente e prova a dire la sua. L’alternativa imposta è solo quella di scegliere di dichiararsi assenti e di uscire dalla stanza".

Per approfondire leggi anche: Terremoto in giunta, si dimette Elisa Masotti

E dunque Elisa Masotti ricostruisce anche i suoi ultimi momenti in giunta del 21 maggio: "Durante la giunta convocata per l’auspicata discussione sull’approvazione della delibera, 'costruita a tavolino da poche teste' per il fabbisogno del personale del Comune di Rieti. In quella stessa stanzetta, in tempi di emergenza Covid, gli assessori sono stati costretti a riunirsi in presenza, sorbendosi i colpi di tosse del primo cittadino che ci ha accolto privo di mascherina. Inutili i tentativi di convincimento per poter, in quei frangenti, utilizzare la piattaforma tecnologica di riunione a distanza appositamente predisposta,  come è accaduto in tutti i Comuni d’Italia. Scherziamo? Ma che cos’è “Il lavoro volatile”? Così lo definisce dispregiativamente  e deridendo i dipendenti che vi ricorrono, il primo cittadino Cicchetti. E se scegli di non andare per non rischiare di compromettere la salute di un genitore infartuato, allora passi pure per assenteista. Libertà di pensiero e d’espressione e cultura dell’innovazione purtroppo non trovano spazio in questa giunta".

"E’ per questo che, sia pure con grande dispiacere e dopo averci pensato a lungo, ho preso la sofferta decisione di fare coerentemente un passo indietro. Ma è stata la decisione migliore", prosegue Masotti che prende di mira ancora Cicchetti: "Un sindaco anacronistico e che non consente un confronto costruttivo non ti permette di portare avanti l’attività amministrativa come vorresti e alla quale ti dedichi con grande passione e determinazione, non ti mette nelle condizioni di meritare la fiducia che gli elettori ti hanno tributato. Cicchetti si è presentato facendo finta di condividere un programma ma alla fine le decisioni le prendono lui, qualche dirigente e i suoi pochissimi eletti (non importa se abbiano votato Petrangeli o lui alle ultime elezioni). Di fatto il programma elettorale condiviso e il patto generazionale, sempre più spesso si arenano nelle sabbie mobili di alcuni uffici comunali e Cicchetti non prende posizione per smuoverle. Con lui era stato concordato di mettere mano alle installazioni di antenne per migliorarne l’impatto sul territorio e fare incassare all’ente, che tra l’altro è anche in predissesto, gli introiti dovuti. Da due anni e mezzo invece assito ad un rimpallo di responsabilità tra dirigenti. E lui, che ha l’ultima parola, continua a rimandare".

Lo scontro con Cicchetti ha riguardato anche le colonnine per la ricarica di auto elettriche. "Anche sull’installazione delle 40 colonnine per la ricarica delle vetture elettriche, che sono ormai il futuro all’insegna dell’ecosostenibilità,  è un continuo braccio di ferro. Siamo riusciti a metterne solo una. E lui sembra non voler imprimere la giusta accelerazione. Non voglio neanche entrare in ragionamenti come lo sviluppo delle aree industriali, sfruttamento delle acque e rapporti con la Asl. Ma vi sembra normale che la massima autorità sanitaria della città non sia andata a battere i pugni sul tavolo della direzione della Asl per pretendere che anche Rieti abbia un laboratorio Covid? Dal punto di vista personale massimo rispetto per la storia di Antonio Cicchetti e per il suo impegno nel tempo ma la sua visione attuale di città è troppo distante da un moderno programma di centrodestra e pericolosamente troppo vicina ad una “Sinistra clientelare” che la sottoscritta non ha mai condiviso", conclude Masotti.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Coronavirus, Fase 2: primo week end lungo col ponte del 2 giugno

Coronavirus, Fase 2: primo week end lungo col ponte del 2 giugno

Como, 1 giu. (askanews) - L'ultimo weekend del mese di maggio 2020 ha coinciso anche con il primo ponte italiano post lockdown per la pandemia di Covid-19, quello del 2 giugno. Celebrazioni ridotte per la Festa della Repubblica e tanta amarezza per le vittime causate dal coronvirus eppure - anche in Lombardia, la regione più colpita dall'epidemia che resta osservata speciale anche nella Fase 2 ...

 
Gisella Cozzo canta "Grazie a Milano" e segna fine del lockdown

Gisella Cozzo canta "Grazie a Milano" e segna fine del lockdown

Milano, 1 giu. (askanews) - Un abbraccio in musica alla sua città d'elezione. La cantautrice italo-australiana Gisella Cozzo ha composto, interpretato e diretto "Grazie a Milano" che vuole essere un ringraziamento alla città cosmopolita che l'ha accolta regalandole nuove opportunità di vita, personali e artistiche. "Grazie Milano è un progetto che è nato durante il lockdown, perchè ho sentito ...

 
Chiude "Chiamatemi Anna", i fan disperati si appellano a Netflix

Chiude "Chiamatemi Anna", i fan disperati si appellano a Netflix

Roma, 1 giu. (askanews) - Ce la faranno i fan a convincere il gigante Netflix? Sarà dura anche se il pubblico di affezionati in questione è composto da teenager disperati per la fine della loro serie tanta amata, "Chiamatemi Anna", adattamento del romanzo "Anna dai capelli rossi" con protagonista la giovane attrice Amybeth McNulty. Il suo destino era noto da tempo: lo stop dopo la terza stagione, ...

 
Spazio, Crew Dragon: il commento dell'astronuata Maurizio Cheli

Spazio, Crew Dragon: il commento dell'astronuata Maurizio Cheli

Houston, 1 giu. (askanews) - L'accesso alla Stazione spaziale internazionale di Bob Behnken e Doug Hurley, i primi astronauti americani a essere partiti il 30 maggio 2020 dal territorio degli Stati Uniti, su un'astronave Made in Usa, la Crew Dragon ribattezzata "Endeavour" da 9 anni a questa parte, non rappresenta solo il ritorno degli Stati Uniti d'America all'accesso diretto allo Spazio dal ...

 
Gaia Gozzi fidanzata, chi è il suo amore: impazza il gossip sulla cantante vincitrice di Amici 2020

Televisione

Gaia Gozzi fidanzata, chi è il suo amore: impazza il gossip sulla cantante vincitrice di Amici 2020

Il gossip, per così dire, lo ha avviato proprio Maria De Filippi nel corso dell'ultima puntata di Amici Speciali. Ha lasciato intendere che Gaia Gozzi sarebbe impegnata e non ...

01.06.2020

Al Bano: "Ho una pensione di 1.470 euro, senza concerti posso vivere solo un anno"

IL PERSONAGGIO

Al Bano: "Ho una pensione di 1.470 euro, senza concerti posso vivere solo un anno"

Al Bano è preoccupato: l'annullamento di tutti i suoi concerti e il turismo bloccato, ha un ristorante e un hotel nella sua tenuta di Cellino San Marco, mettono in difficoltà ...

01.06.2020

Uomini e Donne non va in onda, cosa viene trasmesso su canale 5 al suo posto oggi e domani 2 giugno

Televisione

Uomini e Donne non va in onda, cosa viene trasmesso su canale 5 al suo posto oggi e domani 2 giugno

Non va in onda, oggi lunedì 1 giugno e domani, la trasmissione di Canale 5 Uomini e Donne. Il programma di Maria De Filippi torna da mercoledì 3 giugno, in onda come sempre ...

01.06.2020