Consulenti lavoro, 7 mln e 810mila lavoratori 'bloccati' a casa da decreto

professionisti

Consulenti lavoro, 7 mln e 810mila lavoratori 'bloccati' a casa da decreto

26.03.2020 - 09:15

0

Roma, 25 mar. (Labitalia) - Sale a 7 milioni 810 mila il numero dei lavoratori italiani interessati dal blocco delle attività previsto dal Dpcm 22 marzo 2020: rispetto al primo provvedimento adottato l’11 marzo, che aveva interessato principalmente commercio e servizi, la platea degli occupati che da oggi 25 marzo si ritrova a casa per decreto aumenta sensibilmente, di 5 milioni 8 mila unità. E' quanto emerge da una elaborazione della Fondazione studi dei consulenti del lavoro.

Dopo l’ulteriore stretta del governo, la fotografia del lavoro ai tempi dell’emergenza Covid-19 vede il 34,8% del totale degli occupati a casa, a seguito del blocco dell’attività, il 27,2% occupato in settori destinati all’erogazione di servizi essenziali (complessivamente 6 milioni 118 mila) e il 38% occupato in settori potenzialmente ancora in attività, in quanto non soggetti a blocco delle attività (8 milioni 522 mila lavoratori). La chiusura delle attività prevista dall’ultimo decreto ha riguardato, come noto, principalmente le attività industriali.

Complessivamente, su 100 lavoratori interessati dai provvedimenti (11 e 22 marzo), il 46,2% è occupato nel manifatturiero (3,6 milioni di lavoratori) e il 53,1% nei servizi (4,1 milioni di lavoratori). Calcolando il livello di blocco, l’industria lascia complessivamente a casa 6 lavoratori su 10 (59,6% della forza lavoro), mentre per i servizi, il blocco interessa poco più di un quarto dei lavoratori (26,7%).

Tra i settori industriali maggiormente interessati dai provvedimenti vi è la fabbricazione dei prodotti in metallo: settore traino del Paese, è quello con il maggiore impatto occupazionale, con 574 mila lavoratori a casa, pari al 7,4% del totale di quelli interessati dal provvedimento. Seguono: fabbricazione di macchinari (431 mila occupati), di autoveicoli (212 mila) e il metallurgico (191 mila). Senza contare l’impatto del blocco dei cantieri: tra costruzioni di edifici e lavori specializzati, l’edilizia lascia a casa 862 mila lavoratori, pari all’11,1% di quelli interessati dal provvedimento.

Ma la maggior parte dei lavoratori che restano a casa è occupato nei servizi. Dei 4,1 milioni di lavoratori interessati dai provvedimenti, 1,1 sono addetti alla ristorazione (14,9% del totale), settore inattivo dall’11 marzo. Segue il commercio, al dettaglio (961 mila occupati a casa, pari al 12,3%) e all’ingrosso (429 mila): una chiusura che in questo caso è parziale (interessa circa la metà degli occupati del settore) con molte attività che restano aperte, come supermercati, alimentari, farmacie. Rilevante è anche l’impatto occupazionale della chiusura delle attività di servizio alla persona, tra cui centri estetici, parrucchieri, dove sono più di 395 mila i lavoratori che restano a casa.

Complessivamente, su 100 lavoratori bloccati dal decreto, 56 sono al Nord (20,6% in Lombardia), 20 al Centro e 24 al Sud. La differente geografia economica e produttiva determina anche una diversità importante tra le regioni in termini di impatto occupazionale. Le Marche, regione a forte vocazione manifatturiera proprio nei settori interessati dal decreto, è in assoluto quella con la più alta quota di lavoratori che restano a casa: 43 su 100 contro una media italiana del 34,8%. Seguono Veneto (39,8%), Piemonte (37,8%), Lombardia (37,5%), a cui va però aggiunto l’effetto delle ordinanze regionali, ed Emilia Romagna (37,4%). Al Centro (33,1%) e al Sud (31,2%) l’impatto occupazionale dei provvedimenti è più basso, con regioni come Lazio e Sicilia dove il blocco delle attività interessa circa un lavoratore su quattro, rispettivamente il 27,4% e 27,2%.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Sisma L'Aquila, sindaco Biondi: “11 anni da tragedia, ma oggi abbracciamo anche vittime coronavirus”

Sisma L'Aquila, sindaco Biondi: “11 anni da tragedia, ma oggi abbracciamo anche vittime coronavirus”

(Agenzia Vista) Aquila, 06 aprile 2020 Sisma L'Aquila, sindaco Biondi: “11 anni da tragedia, ma oggi abbracciamo anche vittime coronavirus” “11 anni dal sisma ma oggi l’Aquila abbraccia anche vittime coronavirus” queste le parole del sindaco dell’Aquila Pierluigi Biondi per ricordare le vittime del sisma che ha colpito la città 11 anni fa. Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev agenziavista....

 
Coronavirus, tutorial birmani, dai jingle alla premio Nobel Pace

Coronavirus, tutorial birmani, dai jingle alla premio Nobel Pace

Milano, 6 apr. (askanews) - Un paese completamente isolato fino al 2011, la Birmania si chiude nuovamente alla minaccia del coronavirus e gli ex prigionieri politici dispensano consigli su come vivere al meglio la quarantena. Ecco il jingle "Go Away Corona" e un tutorial della Nobel per la Pace birmana Aung San Suu Kyi, che di recente ha aperto anche la sua prima pagina Facebook.

 
Coronavirus Usa, Trump: "Questa guerra finirà e riapriremo il Paese"

Coronavirus Usa, Trump: "Questa guerra finirà e riapriremo il Paese"

(Agenzia Vista) Usa, 06 aprile 2020 SOTTOTITOLI Coronavirus Usa, Trump: "Questa guerra finirà e riapriremo il Paese" Il presidente americano Donald Trump durante una conferenza stampa per fare il punto sull'emergenza coronavirus: "Continueremo a usare ogni potere, ogni autorità, ogni singola risorsa che abbiamo per preservare la salute dei nostri cittadini e la loro sicurezza e per fare in modo ...

 
Istat: 1 famiglia su 3 non ha tablet o pc a casa. Al Sud 4 su 10

Istat: 1 famiglia su 3 non ha tablet o pc a casa. Al Sud 4 su 10

Roma, 6 apr. (askanews) - In tempi di didattica a distanza e smartworking a causa del coronavirus, fanno riflettere i dati dell'Istat, secondo cui un terzo delle famiglie italiane non ha computer o tablet in casa. Negli anni 2018-2019, rileva l'Istituto di statistica in un'indagine su "Spazi in casa e disponibilità di computer per bambini e ragazzi", il 33,8% delle famiglie non ha un computer o ...

 
Stasera in tv, programmi e film lunedì 6 aprile 2020: Commissario Montalbano su Rai1, Harry Potter su Italia1

Televisione

Stasera in tv, programmi e film lunedì 6 aprile 2020: Commissario Montalbano su Rai1, Harry Potter su Italia1

Programmi e film di stasera, lunedì 6 aprile 2020. Su Rai1 ecco "Il Commissario Montalbano" mentre su Italia Uno c'è la prima parte di "Harry Potter e i Doni della morte". La ...

06.04.2020

La Casa di Carta 4, Taylor Mega su Tik Tok con la voce di Nairobi: "Berlino è fuori gioco, prendo il comando"

Social

Video la Casa di Carta 4, Taylor Mega su Tik Tok con la voce di Nairobi

Anche Taylor Mega si fa contagiare dalla quarta edizione della Casa di Carta e su Tik Tok si lancia nel più classico dei giochini di doppiaggio. La scena è quella in cui ...

06.04.2020

"Fantozzi subisce ancora" sul Canale Nove, torna il ragioniere più umiliato d'Italia

cinema

"Fantozzi subisce ancora" sul Canale Nove, torna il ragioniere più umiliato d'Italia

Arrivò nei cinema nel 1983 e collezionò record di incassi al botteghino, ma "Fantozzi subisce ancora" resta una pellicola cult della saga che ha per protagonista il servile ...

06.04.2020