Non è facile ascoltare la voce del Signore

Non è facile ascoltare la voce del Signore

18.01.2015 - 10:25

0

La parola di Dio della seconda domenica del tempo ordinario è incentrata sul tema della chiamata: quella di Samuele ad essere profeta di Signore, quella degli apostoli ad essere inviati di Gesù Cristo. Ogni chiamata richiede un emittente e un ricevente che può rispondere positivamente o negativamente. Solo chi ascolta e discerne può rispondere in modo autentico. Noi battezzati siamo stati chiamati da Dio. La risposta alla chiamata richiede che noi viviamo secondo quei sì che, nei vari stadi di vita, abbiamo detto a Dio. Siamo stati chiamati per essere al servizio della causa comune che è la diffusione della buona notizia tra gli uomini. La prima lettura di oggi, tratta dal primo libro di Samuele, ci fa capire quanto è difficile intuire subito la chiamata di Dio. Samuele, infatti, ha bisogno di essere chiamato per tre volte. Dopo la triplice chiamata il giovane poté rispondere: “Parla, perché il tuo servo ti ascolta”. Le conseguenze di questa totale disponibilità ad accogliere la parola di Dio furono per Samuele straordinarie. Egli “crebbe e il Signore fu con lui, né lasciò andare a vuoto una sola delle sue parole”. Con Dio dentro il nostro cuore e nei nostri pensieri possiamo fare grandi cose per la sua gloria e per la nostra santificazione.
San Paolo Apostolo nel brano della seconda lettura, tratto dalla sua prima lettera ai Corinzi, evidenzia un aspetto importante di questa unione che porta alla vera comunione e ad una morale personale capace di trasformare il nostro essere ed agire in qualcosa di straordinariamente significativo: “Chi si unisce al Signore - scrive l’Apostolo delle genti - forma con lui un solo spirito”. Per cui, in questa nuova condizione essenziale ed esistenziale cambia il modo di operare. Da qui la raccomandazione e il monito: “State lontani dall'impurità! Qualsiasi peccato l'uomo commetta, è fuori del suo corpo; ma chi si dà all'impurità, pecca contro il proprio corpo. Non sapete che il vostro corpo è tempio dello Spirito Santo, che è in voi? Lo avete ricevuto da Dio e voi non appartenete a voi stessi. Infatti siete stati comprati a caro prezzo: glorificate dunque Dio nel vostro corpo!”. Essere per il Signore, significa mettersi a suo servizio, rispondere alla sua chiamata e svolgere una precisa missione, quella stessa che è stata assegnata al gruppo dei primi discepoli a partire da Pietro, che non fu il primo a seguire Gesù, ma una volta scelto di farlo viene fu indicato da Gesù stesso come il capo del gruppo. Non a caso è Gesù stesso a cambiare il nome da Simone, figlio di Giovanni, in Cefa, in Pietro. Quando si incontra davvero il Signore la vita cambia radicalmente a partire da quella identità umana e anagrafica che diventa identità spirituale.
Con la collaborazione di Andrea Grippo

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Ilva, procura Milano apre indagine esplorativa su ArcelorMittal

Ilva, procura Milano apre indagine esplorativa su ArcelorMittal

Roma, 15 nov. (askanews) - Dopo l'annuncio di ArcelorMittal di spegnere progressivamente gli impianti dell'ex Ilva di Taranto entro metà di gennaio, la procura di Milano ha aperto un fascicolo sulla gestione dell'acciaieria, al momento senza indagati né ipotesi di reato, come ha reso noto il procuratore Francesco Greco. La procura, inoltre, ha chiarito di aver "deciso di esercitare il ...

 
Acqua alta a Venezia, Salvini: "Lega ha prosposto 1 mld per i danni"

Acqua alta a Venezia, Salvini: "Lega ha prosposto 1 mld per i danni"

(Agenzia Vista) Venezia, 15 novembre 2019 Acqua alta a Venezia, Salvini: "Lega ha prosposto 1 mld per i danni" "Caso testimonia che droga fa male sempre". Così il leader della Lega, Matteo Salvini, rispondendo alle domande dei giornalisti a Venezia, colpita dal maltempo. Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
Gotha del collezionismo milanese per opening mostra Chiara Dynys

Gotha del collezionismo milanese per opening mostra Chiara Dynys

Milano, 15 nov. (askanews) - ingest 9.36 ingest 11.52 Milano, 15 nov. (askanews) - Alla presenza di collezionisti del calibro di Panza di Biumo, di un curatore come Giorgio Verzotti e storici dell'arte come Laura Cherubini, è stata inaugurata a Milano "Chiara Dynys. Aurora". Una mostra che affronta un miracolo non solo cromatico, quello dell alba, che modifica la realtà, la percezione, il senso ...

 
Il reatino Davide Rossi continua ad entusiasmare ai live di X Factor

RIETI

Il reatino Davide Rossi continua ad entusiasmare ai live di X Factor

Il cantante reatino Davide Rossi entusiasma il pubblico anche nel quarto live di X Factor interpretando il brano dei Queen “Don’t stop me now”. Giudizi positivi da parte dei ...

15.11.2019

Elena Arvigo

CASPERIA

Al teatro "Non domandarmi di me, Marta mia"

Fa riferimento a uno dei carteggi più appassionanti e allo storia d’amore tra Luigi Pirandello e l’attrice Marta Abba lo spettacolo "Non domandarmi di me, Martia mia" di ...

07.11.2019

All'Auditorium San Giorgio dopo Savagnone concerto d'organo e percussioni

RIETI

All'Auditorium San Giorgio dopo Savagnone concerto d'organo e percussioni

La sfida di interessare ragazzi di diverse età ad un repertorio come quello contemporaneo colto, è perfettamente riuscita. Con il suo entusiasmo e con la freschezza e ...

26.10.2019