Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Omicidio Cerciello, avvocato vedova: "Finalmente dimostrato che aveva il tesserino"

  • a
  • a
  • a

Omicidio Cerciello, avvocato vedova: "Finalmente dimostrato che aveva il tesserino".
 "Come ha dichiarato il suo compagno Varriale, Mario era il più bravo, un fuoriclasse in alcune circostanze. Secondo i suoi colleghi e dai rapporti, è emerso come colui che abbia effettuato più arresti e più operazioni in un solo anno. Un vero segugio. Oggi si è scoperto finalmente che il suo tesserino stesse nel portafogli quella sera, Varriale lo ha visto in ospedale insieme alla placchetta col numero di matricola". Così alla "Vita in diretta estate"  Massimo Ferrandino, avvocato della vedova Cerciello Rega, Maria Rosaria Esilio. "Varriale è un test veritiero - ha proseguito - e ha raccontato per la prima volta di aver visto materialmente il tesserino, insieme a manette e altri effetti personali sul muretto dell’ospedale Santo Spirito dove Mario venne trasportato quel maledetto 26 luglio scorso. Da ribadire poi che, a margine della perizia svolta, è emerso che il suo assassino, Finnegan Elder, sia assolutamente capace di intendere e di volere e che quindi abbia agito con consapevolezza quella notte". Infine, il legale ha raccontato di una intercettazione in carcere tra l’avvocato ed Elder. "Sono stati captati nell’istituto penitenziario durante un colloquio e il suo assassino ha ammesso di aver riconosciuto e visto, anche se in borghese, due carabinieri avvicinarsi verso di lui. Interpretare una simile reazione, così violenta e feroce è davvero un mistero", ha concluso.