Le notizie in... differenti

IN FONDO AL POZZO

Scoperto l’orco di Hollywood

18.10.2017 - 12:16

0

Ascesa e caduta di un Re di Hollywood. Harvey Weinstein nel bestiario umano della Mecca del cinema appartiene alla razza dei tycoons, i produttori - più o meno - onnipotenti che da sempre decidono del destino di un attore o di un regista, che possono lanciare nel firmamento o sbattere la porta in faccia.
Gente che ha fatto la storia del cinema, è bene dirlo subito, ma che, se si va a guardare nel back, ha un armadio pieno di scheletri non proprio gradevoli e irreprensibili.
Bene, il New York Times va a frugare nell'armadio e scopre che il caro Harvey nella sua lunga carriera non ha esitato a molestare tutte le aspiranti attricette, attricine o attrici affermate che gli capitavano a tiro. Ormoni incontenibili, una sex addiction estrema, un cartellino da timbrare sul materasso per andare avanti nella carriera, questa è la realtà, suffragata immediatamente da uno stuolo di divette e divine, pronte a scucirsi la bocca e ad aggiungersi all'elenco delle offese e vituperate. Un invito in albergo, lui che si fa trovare in accappatoio e poi prendere o lasciare.
Per Harvey le cose si sono subito messe malissimo: buttato fuori dalla sua stessa società, la Weinstein Company, scaricato dal fratello, espulso dagli Oscar, radiato dall'associazione dei produttori. Dal giorno dell'annuncio, si è allungato un elenco interminabile di reprimende, accuse, anatemi, bollato, messo alla gogna, impalato, esposto al pubblico ludibrio. Lo rivediamo nelle immagini che lo vedono sorridente, con quella figura oversize e i lineamenti che, alla luce di quello che si è scoperto, diventano quelli di un satiro insaziabile, di un godurioso effrattore dell'intimità femminile, pur di placare gli ingovernabili estri sexual.
Harvey è imperdonabile, non ci sono scuse che tengono, non c'è paracadute che possa aprirsi, è condannato a precipitare travolto dall'uragano che si è scatenato. Perché, è bene sottolinearlo, Harvey è capitato nell'uragano vorticosamente alimentato dai media del politically correct con un bagaglio purtroppo per lui di scorrettezze indifendibili.
Vorrei richiamare l'attenzione sulla tempesta, perché lungi dall'essere un fenomeno isolato, è un rituale che fa parte strutturale della bolla della comunicazione. Nessuno contesta le malefatte di un vizioso impenitente e di un fallo indomabile, ma colpisce il coro unanime e potente che si è levato, come se non si aspettasse altro che qualcuno inciampasse e cadesse nella trappola. Un attimo e dal silenzio gelosamente custodito si è passati alla confessione pubblica, anch'io, anch'io, ci ha provato anche con me, e pure con me.
Harvey è alla mercé di se stesso e del mondo, nella pentola scoperchiata c'è il reprobo e il dissoluto, l'abbiamo finalmente scovato, e chi se ne frega se tanti altri hanno fatto e continuano a fare quello che ha fatto lui, se tante signore scandalizzate hanno taciuto e acconsentito, se il divano del produttore è l'arredo universalmente conosciuto dei magnati del cinema (e non solo), se generazioni e generazioni si sono accoccolate, fidanzate, sposate e abbandonate. Dalla morte di Virginia Rappe, violentata in un festino Hollywood anni Venti a Roman Polanski e, tanto per allargare il perimetro a caso, qualche presidente del consiglio e qualche inquilino della Casa Bianca.
Certo, lo score di Harvey è impressionante come la sicumera oltraggiosa con cui si è comportato, ma il ruolo che il copione gli ha riservato e che non ha potuto scegliere è quello del capro espiatorio che lo mette al centro della pubblica riprovazione e salva l'anima di tutti. Adesso possiamo respirare, il porco lo abbiamo stanato e nessun orco potrà più attentare a Cappuccetto Rosso.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

I livornesi Siberia escono con "Tutti amiamo senza fine"

I livornesi Siberia escono con "Tutti amiamo senza fine"

Milano, 21 nov. (askanews) - Quattro giovani livornesi alla conquista del mondo della musica, i Siberia sono un gruppo promettente ed escono con l'album "Tutti amiamo senza fine", che segna un nuovo capitolo della loro carriera in cui parlano d'amore come racconta il cantante Eugenio Sournia. "Una volta che ci siamo resi conto che c'era un filo rosso e che la canzone "Tutti amiamo senza fine" era ...

 
"Il Peccato", Konchalovsky racconta i tormenti di Michelangelo

"Il Peccato", Konchalovsky racconta i tormenti di Michelangelo

Roma 22 nov. (askanews) - C'è il grande regista russo Andrei Konchalovsky a raccontare il genio di Michelangelo nel film "Il Peccato", interpretato da Alberto Testone, nei cinema dal 28 novembre. Nel kolossal girato in Italia per 14 settimane Konchalovsky ripercorre alcuni momenti della vita dell'artista ma non fa un biopic vero e proprio, racconta liberamente i fatti, con il suo sguardo ...

 
Mes, Di Maio: "Nessun battibecco con ministro Gualtieri"

Mes, Di Maio: "Nessun battibecco con ministro Gualtieri"

(Agenzia Vista) Castelvetrano, 22 novembre 2019 Mes, Di Maio: "Nessun battibecco con ministro Gualtieri" Le parole da Castelvetrano del ministro degli Esteri e capo politico del MoVimento 5 Stelle, Luigi Di Maio. Fonte: Facebook/Luigi Di Maio Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
Lea T: parlare della pluralità di donne per poter essere liberi

Lea T: parlare della pluralità di donne per poter essere liberi

Milano, 22 nov. (askanews) - "Cominciare a dare potere all'universo femminile, cominciare a parlare di tutta questa pluralità di donne e di gender è fondamentale. Cominciare a parlare di tanti tipi di donne aumenta il discorso intellettivo riguardo a questi universi, con le persone che incominciano a identificarsi o meno in alcuni gruppi". Lo ha detto la modella trangender Lea T, prima portavoce ...

 
Presentata la stagione teatrale, al Flavio grandi interpreti e novità

RIETI

Presentata la stagione teatrale del Flavio

La stagione 2019-2020 del Teatro Flavio Vespasiano parte con una grande novità, figlia dello straordinario risultato in termini di numero di abbonati della passata stagione: ...

18.11.2019

Al teatro Flavio Vespasiano concerto di Natale con Imaani

RIETI

Al teatro Flavio concerto
di Natale con Imaani

Tempo di Natale, tempo di “Gospel & Jazz”! La rassegna, promossa dall’Associazione “D’altroCanto” e patrocinata dal Comune di Rieti, è giunta infatti, di sold out in sold out,...

18.11.2019

Renato Zero scatenato con i fans: "Bisogna darsi appuntamento anche per..."

Il concerto

Renato Zero scatenato con i fan: "Bisogna darsi appuntamento anche per..."

"Siamo ridotti così. Ormai bisogna darsi un appuntamento anche per...". Uno scatenato Renato Zero ringrazia i fans a modo suo durante il secondo concerto di Firenze in un ...

16.11.2019