Rosso e mezzaluna sulla porta di Brandeburgo

Rosso e mezzaluna sulla porta di Brandeburgo

04.01.2017 - 11:45

0

La Porta di Brandeburgo colorata di rosso e sul frontone una mezzaluna e una stella bianca. Berlino nell'inizio dell'anno si veste con la bandiera della Turchia e ricorda quello che è accaduto a Istanbul.
Quella Porta non è un accesso qualunque, è la storica, monumentale, Porta che fu eretta alla fine del Settecento nelle forme che venivano dalla Grecia classica ed è diventata nel tempo un segno della capitale della Germania. Quando, con la costruzione del Muro, durante gli anni della divisione della città fra l'Est e l'Ovest, il suo profilo venne inglobato in quella frattura che sanciva il tempo della Guerra Fredda, la Porta chiusa e inaccessibile diventò il simbolo di un dramma e di una speranza. I colori della bandiera turca su quelle colonne ci dicono quanto il mondo sia cambiato e quanto, però, la Porta non cessi di irradiare il patrimonio e il valore che la costituiscono.
La Germania è stabilmente unita ed ha accolto nel dopoguerra milioni e milioni di turchi, la cancelliera Merkel ha aperto le frontiere ai migranti come solo poteva fare la leader di un Paese troppo a lungo scisso e spaccato, e ha ribadito una disposizione all'accoglienza più forte delle congiunture elettorali e delle tentazioni populistiche. Della Guerra Fredda semmai ritornano echi nelle nuove controversie che agitano il triangolo Putin-Trump-Obama e ci riportano alla grande questione - impensabile negli anni della Cold War - degli equilibri tra Europa e Oriente, e di quell'area composita che dal Mediterraneo giunge all'Iran e all'Iraq. Un nuovo scenario geopolitico in cui si giocano il presente e il futuro.
La Porta questo ci ricorda. Quel rosso stabilisce immediatamente un contatto e un richiamo, tra il camion che irrompe sul mercatino natalizio di Berlino e il terrorista che fa strage nel Reina Club di Istanbul nella notte di Capodanno. Berlino chiama Istanbul, come a dire che siamo nella stessa storia e che, se tante, tantissime cose ci dividono e lacerano i rapporti, qualcosa ci unisce ed è, deve essere, più forte di tutte le divisioni, le incomprensioni e le contrapposizioni: il terrorismo che vuole farci regredire, che vorrebbe radicalizzare i nostri istinti alla reazione e alla chiusura, il terrorismo che vorrebbe distruggere la quotidianità e i suoi luoghi, i luoghi della festa, della gioia, dell'incontro, del dono, dello scambio, del dialogo. Nella sua efferatezza sanguinaria anche il terrore si porta dietro un carico simbolico - e ne è perfettamente cosciente - simmetrico e opposto a quello su cui esercita la sua pulsione alla morte. Per questo spara nel mucchio, uccide tutti e nessuno, uomini e donne, giovani, vecchi e bambini. Proclama il verbo della vendetta e della lotta santa, colpevolizza la nostra responsabilità storica di occidentali, croce e politica di potenza, lancia camion sulla folla e massacra la gente. Ovunque.
Forse, bisognerebbe distinguere, tra questi invasati dell'odio, disponibili a tutto, e in questo caso anche a fuggire subito dopo l'impresa, e il contesto che - consapevoli o meno che ne siano - mette subito una bandierina su quello che hanno fatto e li riporta in questa guerra che tutto massimalizza e estremizza. E' una guerra doppia, ambigua e sfuggente, si combatte sui campi di battaglia, in modi altrettanto ambigui e purtroppo trasversali, e al tempo stesso nella nostra testa, presa in mezzo fra la paura, il terrore, la complicità, le colpe, l'orrore, i valori di una civiltà, con il paradosso di doverli difendere consapevoli della crisi che li colpisce.
Non è facile, forse è impossibile, ma intanto guardiamo il rosso e il bianco della bandiera turca sulla Porta di Brandeburgo.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Boccia: "Italia Viva non salga su un piedistallo che non c'è"

Boccia: "Italia Viva non salga su un piedistallo che non c'è"

(Agenzia Vista) Roma, 21 febbraio 2020 Boccia: "Italia Viva non salga su un piedistallo che non c'è" "Italia Viva non salga su un piedistallo che non c'è". Così il Ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie Francesco Boccia, intervenuto al termine del Consiglio dei Ministri. Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev agenziavista.it

 
Il robot col senso del tatto: così il chirurgo tocca il paziente

Il robot col senso del tatto: così il chirurgo tocca il paziente

Milano, 21 feb. (askanews) - La robotica sta cambiando il volto della medicina e nei nuovi laboratori del Dipartimento di elettronica, informazione e bioingegneria del Politecnico di Milano, i ricercatori lavorano per spingere il limite sempre un po' più avanti. Migliorando ad esempio la capacità e la tecnologia di un robot medicale evoluto come il Da Vinci, già usato regolarmente in sala ...

 
Coronavirus, Gallera: 6 casi in Lombardia, in corso 150 test

Coronavirus, Gallera: 6 casi in Lombardia, in corso 150 test

Milano, 21 feb. (askanews) - Ci sono altre tre persone positive al coronavirus in Lombardia, fatto che porta a sei il numero totale dei casi. Lo ha comunicato l'assessore al Welfare della Regione Lombardia Giulio Gallera. Si tratta di tre persone che sono ricoverate all'ospedale di Codogno, città del paziente 1, un 38enne entrato in contatto con un amico appena tornato dalla Cina. Contagiati ...

 
Video Taylor Mega in discoteca, capelli turchini come la fata e abito cortissimo sexy e super provocante
Social

Video Taylor Mega in discoteca, capelli turchini e abito super provocante

Capelli turchini come la fata di Pinocchio, ma abito fucsia cortissimo e super provocante e orecchie finte. Taylor Mega si è presentata così sul palco di una discoteca di cui era ospite, a Catania. Le immagini ovviamente sono state riproposte sul suo profilo Instagram, visto che numerosi avventori del locale l'hanno filmata e taggata. Le apparizioni in discoteca da ospite vip stanno diventando ...

 
Video Taylor Mega in discoteca, capelli turchini come la fata e abito cortissimo sexy e super provocante

Social

Video Taylor Mega in discoteca, capelli turchini e abito super provocante

Capelli turchini come la fata di Pinocchio, ma abito fucsia cortissimo e super provocante e orecchie finte. Taylor Mega si è presentata così sul palco di una discoteca di cui ...

21.02.2020

Ascolti tv, Don Matteo 12 vince ancora e sfiora i 6 milioni

in tv

Ascolti tv, Don Matteo 12 vince ancora e sfiora i 6 milioni

Serata trionfale, giovedì 20 febbraio, per Don Matteo 12. I due episodi in onda su Rai 1 sono stati visti da 5.840.000 spettatori, pari a uno share del 26.5%. Sbaragliata, ...

21.02.2020

Video Martina Stella, buongiorno sexy ormai classico di Instagram. Promessa ai fan: presto evento per vederci

Social

Video Martina Stella, buongiorno sexy ormai classico di Instagram

Martina Stella (qui in palestra) pensa ai suoi fan e attraverso le Instastories annuncia un evento in cui si dedicherà esclusivamente a loro, anzi chiede consigli su come ...

21.02.2020