La sarabanda del Sì e del No

La sarabanda del Sì e del No

05.10.2016 - 10:21

0

Si o no? Ho l'impressione che i prossimi due mesi ci risucchieranno in una sarabanda di confronti che diventeranno scontri, spiegazioni prossime all'insulto, appelli all'ultimo sangue, in attesa dell'ordalia del 4 dicembre che deciderà della proposta di riforma costituzionale e del cosiddetto Italicum.
Ovviamente, e non sarebbe il caso di dirlo, tutti hanno il diritto di pensare quello che vogliono e ognuno farà la scelta che si sentirà di fare. Lo dico perché questo tentativo di riflessione non vuole entrare nel merito della proposta e dunque non è e non vuole essere una perorazione per il sì o per il no.
Vorrei piuttosto sottolineare il clima che minaccia di raggiungere temperature da global warming. Perché questa atmosfera da crociata? Perché questa contrapposizione violenta e irridente in cui alla fine rischia di passare in secondo la discussione sul merito della riforma e la riflessione su un passaggio che, in un caso o nell'altro, sarà decisivo per i prossimi anni?
Il nodo sta sempre lì, in un perverso e ormai strutturale rapporto tra politica, informazione e spettacolo e in quello logorato e deludente fra politica e società. Con alcuni paradossi che mi sembrano significativi.
Partiamo dal Presidente Renzi. La sua irruzione sulla scena della politica italiana è avvenuta nel segno della rottamazione e sulla sua capacità di tenere insieme politica e antipolitica, di stare dentro e fuori, di entrare nelle istituzioni e di rappresentare la voglia di cambiamento del Paese. Non è una storia estemporanea, il nostro paese è sempre stato sensibile ai messia, agli homines novi che si presentano sulla scena e vengono investiti della funzione salvifica rispetto all'inerzia della realtà. Questa molla potente nasconde però in sé un doppio rischio.
Anzitutto, le promesse sono attese al bagno con le cose, con lo stress che ormai comporta una politica mediatica che ha contratto i tempi e incalza day-by-day, pena la percezione di un fallimento. Chi assume e personalizza all'estremo il discorso (mediatico) della politica non può sorprendersi se poi gli si rovescia addosso il conto (dove, certo, ci stanno anche tutte le trappole della politica-spettacolo e di una politica presa sempre più in un gioco tutto di superficie) e da protagonista in positivo viene percepito da una parte rilevante di chi gli aveva dato fiducia addirittura come un antagonista o un capro espiatorio. Chi di immagine colpisce, di immagine.. perisce.
Poi, c'è l'antica questione della politica e della società. Bene, i motivi sono tanti, tantissimi, stanno nella storia recente e meno recente. Adesso, ci troviamo con il 50% del Paese che potrebbe non votare e, fra quelli che vanno a votare, cresce il numero di chi lo fa per protestare, con un bisogno di rifiutare e demonizzare l'esistente, le istituzioni che sarebbero corrotte e lontane e chi le rappresenta.
In questo quadro, si è verificato un doppio slittamento.
Da un lato, il voto sulla proposta di riforma è diventato un giudizio sul Presidente del Consiglio, percepito da molti non più come l'equilibrista tra politica e antipolitica, quanto piuttosto come il potere istituzionale lontano dai cittadini.
Dall'altro, anche qui per motivi che mettono insieme storia, cultura, media, crisi.., i cittadini sono cambiati, nel senso che è cresciuta la brutalità irriguardosa e malmostosa del rifiuto e della protesta, la voglia tutta di pancia (ma anche la pancia ha le sue ragioni che spesso hanno a che fare con la difficoltà se non con l'impossibilità di sbarcare il lunario) di dire la parola che è un'arma di difesa e offesa. No!
Cosi è, se vi pare.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Maltempo, Italia in ginocchio: esondano fiumi e scuole chiuse

Maltempo, Italia in ginocchio: esondano fiumi e scuole chiuse

Milano, 18 nov. (askanews) - Neve, mareggiate, pioggia e vento forte: nel giorno in cui Venezia prova a tornare alla normalità l'Italia è ancora flagellata dal maltempo. Anche se, dopo una domenica di paura, la situazione per fortuna non è peggiorata. A Venezia, dove l'acqua alta ha toccato i 155 centimetri, oggi sono riaperte le scuole. Scuole chiuse invece a Pisa, Caserta e Bolzano. A Modena in ...

 
Rapine, assaltarono banca a Trapani: 3 arresti a Palermo

Rapine, assaltarono banca a Trapani: 3 arresti a Palermo

Trapani, 18 nov. (askanews) - La Polizia di Trapani ha arrestato tre pregiudicati palermitani accusati di aver rapinato, lo scorso 26 agosto, la filiale della banca Credem di via Virgilio, a Trapani. La Squadra Mobile ha individuato i tre rapinatori in trasferta attraverso l'analisi dei filmati di numerosi impianti privati di videosorveglianza presenti in città. Si vedono i tre rapinatori entrare ...

 
A Genova la quinta tappa della campagna "È tempo di vita"

A Genova la quinta tappa della campagna "È tempo di vita"

Genova, 18 nov. (askanews) - Promuovere una maggiore conoscenza della patologia e dei benefici derivanti dai nuovi approcci terapeutici, offrire un'occasione di condivisione e confronto e dare voce alle storie e alle richieste delle pazienti con tumore al seno avanzato. Sono gli obiettivi della campagna "È tempo di vita", promossa da Novartis in collaborazione con Salute Donna Onlus, A.N.D.O.S. ...

 
Papa fa servire a poveri lasagne halal per rispettare i musulmani

Papa fa servire a poveri lasagne halal per rispettare i musulmani

Milano, 18 nov. (askanews) - Le lasagne halal di Papa Francesco hanno fatto parlare tutta la domenica. Per rispetto ai poveri di religione musulmana, Bergoglio nell'Aula Paolo VI, in Vaticano, ha fatto servire il piatto alla bolognese senza carne di maiale come, invece, vorrebbe la tradizione. Il menù rigorosamente halal, senza il maiale, per permettere agli islamici presenti di mangiare senza ...

 
Renato Zero scatenato con i fans: "Bisogna darsi appuntamento anche per..."

Il concerto

Renato Zero scatenato con i fan: "Bisogna darsi appuntamento anche per..."

"Siamo ridotti così. Ormai bisogna darsi un appuntamento anche per...". Uno scatenato Renato Zero ringrazia i fans a modo suo durante il secondo concerto di Firenze in un ...

16.11.2019

Renato Zero in concerto, "Nei giardini che nessuno sa" tra gli applausi

Lo spettacolo

Renato Zero in concerto, "Nei giardini che nessuno sa" tra gli applausi Video

Un concerto straordinario. Renato Zero in un Nelson Mandela Forum di Firenze strapieno, venerdì 15 novembre ha letteralmente mandato in delirio i suoi fans con uno spettacolo ...

16.11.2019

Chiara Ferragni nuda su Instagran: ecco la foto

L'INFLUENCER SENZA VELI

Chiara Ferragni nuda su Instagram: ecco la foto

Chiara Ferragni ha postato su Instagram una sua foto nuda e subito i suoi fan sono andati in visibilio. La foto (che vedete dopo il testo) la ritrae seduta su un letto, ...

16.11.2019