Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Da Opel il Combo Life: il multivan per le famiglie che offre il massimo

Il nuovo Opel Combo Life

Sergio Casagrande
  • a
  • a
  • a

Era il 1986 quando Opel Kadett Combo, veicolo multispazio dedicato inizialmente al solo carico merci, fece la sua prima apparizione. Sette anni dopo, con la versione Combo B, fu già maturo per ospitare anche solo passeggeri. E, oggi, giunto alla quinta generazione, cambia il nome in Combo Life e in questo 2018 si presenta come un veicolo studiato e messo a punto per accontentare al meglio e prima di tutto le esigenze dei passeggeri. La promessa di Opel, in sostanza, è di mettere fine, con questa nuova vettura, al luogo comune che ha sempre associato i multivan ai veicoli utili, ma quasi sempre spartani. "Combo Life - spiega, infatti, Paola Trotta, direttore della comunicazione di Opel Italia presentando il veicolo in anteprima alla stampa specializzata - non è un'auto derivata da un van. Ma è un'auto progettata, fin dall'origine, per accontentare una clientela che ha bisogno di spazio e di soluzioni intelligenti. E che cerca comfort e il massimo in fatto di sicurezza attiva e passiva. Un'auto, in particolare, ideale per la famiglia, anche se questa è particolarmente numerosa, visto che può offrire fino a 7 posti”. L'inizio delle vendite è atteso per l'autunno 2018, ma Combo Life sarà già ordinabile - secondo un listino prezzi che, però, non è stato ancora reso noto - a partire dall'estate. Intanto, Opel ne ha già voluto svelare tutti i particolari. Combo Life si presenta, quindi , con un look ormai caratteristico di tutte le multispazio: forme squadrate e ampie fino alle estremità possibili di un veicolo che deve rimanere comunque relativamente compatto per garantire, all'interno, proprio il massimo spazio possibile. Due le varianti: una versione normale di 4,4 metri di lunghezza e passo di 279; e una più lunga, di 4,75 metri e passo 2,98. Entrambe con 5 posti all'interno, modulabili. Ed entrambe ampliabili, su richiesta, riducendo il vano di carico (che per le 5 posti delle versioni normali è di 597 litri e per le 5 posti delle versioni lunghe è di 850), fino a 7 posti. Tutte hanno sedili abbattibili (divanetti posteriori frazionabili, ma a richiesta anche sedili singoli, separati) e offrono possibilità di carichi passanti fino a lunghezze che possono superare anche i 3 metri. Portellone posteriore scorrevole per l'accesso al vano posteriore e portellone del vano di carico con lunotto apribile separatamente. “I contenuti tecnologici, poi - fa notare Andrea Leandri, direttore marketing di Opel Italia - sono all'altezza di qualsiasi altra Opel e offrono contenuti che tutte le altre concorrenti di questo segmento non possono vantare”. E, in effetti, scorrendo la lista delle dotazioni di serie e di quelle a richiesta non si può dargli torto. Al momento, sul mercato, non c'è davvero una multispazio compatta in grado di presentare un'offerta analoga. E il perché è spiegato con quel peccato originale che Combo Life non ha: il fatto di derivare da un van e di non nascere fin da subito come un veicolo passeggeri. Ecco, quindi, che Combo Life si presenta, offrendoli già inclusi di serie, addirittura con dispositivi di guida assistita propri, generalmente di segmenti decisamente superiori, come il sistema elettronico di rilevamento dei pedoni e di conseguente frenata automatica; del sistema automatico delle frenate di emergenza conseguenti al rilevamento di un ostacolo; il dispositivo di allerta in caso di stanchezza rilevata dal comportamento del conducente: il sistema di controllo elettronico del mantimento della corsia di marcia. E, in più, a richiesta o secondo gli allestimenti, anche con cruise control automatico con il mantenimento delle distanze dai veicoli che precedono; telecamera posteriore per l'ausilio del parcheggio con rilevamento nell'arco di 180 gradi; sistema di protezione della fiancata; servizio di assistenza automatica al parcheggio. Da segnalare anche la disponibilità di sedili anteriori riscaldabili, del volante riscaldabile e del riscaldamento dell'abitacolo comandabile a distanza. Il sistema di infotainement non è poi da meno: touch screen da 8 pollici, con Android Auto ed Apple Car Play, ricarica wireless per smartphone, orte usb, bluetooth, presa 230 V, Gli interni, oltre ad essere davvero spaziosi, ben rifiniti ed ergonomici, possono ontare su un gran numero di portaoggetti, compreso un inedito soppalco posteriore aggiuntivo stile aereo. Disponibile anche un tetto panoramico con vasca portaoggetti centrale e sistema Intelligrip (derivato dal GripControl del gruppo Psa) con 5 modalità di funzionamento per il controllo automatico della stabilità anche in caso di fondi stradali sdrucciolevoli e sconnessi. Annunciati motori diesel 1.500 da 75, 100 e 120 Cv (quest'ultimo anche con cambio automatico Auto 8); e due benzina 1.200 da 110 e 130 Cv (con Auto 8 solo dal 2019). Infine, per il futuro, annunciata anche una versione 4x4 “vera”. Non ci saranno, invece, bifuel gpl o metano.  Sergio Casagrande Twitter:@essecia