Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Abbandono dei rifiuti, tolleranza zero del Comune

Luca Feliziani
  • a
  • a
  • a

Il Comune lancia l'operazione “tolleranza zero” contro l'abbandono dei rifiuti, con sanzioni previste da 300 a 3.000 euro per i trasgressori colti sul fatto. Non solo, i cittadini che imbrattano il territorio dovranno occuparsi personalmente di risanare i siti contaminati e in caso di mancato pagamento e ripulitura scatterà la segnalazione alla Procura. Boschi, aree verdi e riserve naturali sono infatti utilizzati come discariche da chi abbandona rifiuti di ogni genere, deturpando l'ambiente. “Abbiamo ingaggiato una battaglia – esordisce in conferenza stampa l'assessore all'Ambiente, Claudio Valentini, affiancato dalla collega Onorina Domeniconi (Protezione civile e Polizia municipale), una delle promotrici dell'iniziativa - che ha visto e vede impegnati carabinieri forestali, Municipale, Protezione civile, Asm e i volontari della Riserva dei Laghi Lungo e Ripasottile, che ringrazio per l'impegno profuso. Siamo partiti dalle segnalazioni di cittadini e associazioni verificando le situazioni di degrado e stilando un protocollo con il comando dei carabinieri forestali. Unendo le forze siamo riusciti a ottenere un grosso risultato grazie anche all'Asm e al lavoro di raccolta e smaltimento”. Finora sono state 17 le persone scoperte e segnalate, cinque delle quali residenti a Cittaducale e due a Roma, sorprese ad abbandonare rifiuti in aree extraurbane come la strada per Fassinoro, la Salto Cicolana, la strada per la Foresta e all'interno della Riserva naturale dei Laghi. “E' il momento - ha aggiunto Valentini - di far capire a queste persone, di cui avrei voluto fare pubblicamente i nomi, che chi commetterà reato la pagherà cara perché non è più tollerabile questo scempio. Chi ha a cuore l'ambiente ha bisogno del supporto delle istituzioni e la città deve insorgere contro i trasgressori segnalando le targhe e scattando fotografie per consegnarle poi alla polizia municipale”. Nei prossimi è previsto un incontro con la Provincia per portare avanti un progetto che possa coinvolgere anche altri Comuni. A chiudere l'incontro l'assessore Domeniconi che si è unita “ai ringraziamenti verso tutte le parti coinvolte e verso l'ex comandante della Municipale, Massimo Belli, che ha firmato l'accordo con i carabinieri forestali”. “Ciò a cui tengo in modo particolare – ha detto - è che la città sappia cosa stiamo facendo e faremo per contrastare questi comportamenti spregevoli da parte di alcuni cittadini. I nostri occhi ci sono e i controlli continueranno. Chi in questa città non vuole rispettare l'ambiente e ha intenzione di continuare a trasgredire verrà punito con multe salate e dovrà ripristinare lo stato dei luoghi ripulendoli personalmente o mettendo mano al portafoglio. Da oggi tolleranza zero”. Paola Corradini