Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Emergenza freddo, in via del Porto apre il riparo per i senzatetto

Luigi Spaghetti
  • a
  • a
  • a

Da lunedì 21 gennaio, con orario 20 – 7, aprirà il Riparo per l'emergenza freddo, voluto dall'Assessorato ai servizi sociali del Comune di Rieti e realizzato grazie alla disponibilità dell'Ater di Rieti che ha concesso un locale in via del Porto, 29. Ogni giorno, per avere informazioni sul servizio e fornire segnalazioni, dalle ore 7 alle ore 20 sarà a disposizione il numero 0746287220. E' prevista la presenza delle associazioni protagoniste del progetto “Porta Sociale”, attraverso una turnazione, la sera fino alle 24 circa. Un monitoraggio della zona in cui sorgono i locali sarà assicurato dalle Forze dell'Ordine. “Innanzitutto, al contrario di quanto veicolato da alcuni nelle settimane scorse, non è dato sapere se in buona o cattiva fede – dichiara l'assessore ai servizi sociali, Giovanna Palomba – è bene ribadire che si tratta di un riparo emergenziale, non certo di un dormitorio o di una casa di accoglienza. Si tratta di locali nei quali sarà possibile ripararsi dal freddo durante le ore notturne, istituito per la prima volta nella storia della Città di Rieti, nonostante le scarse risorse di cui dispone il Comune. E' bene ribadire a coloro che fanno finta di non capire che ad oggi, nessuna istituzione locale del territorio conosce l'esatta consistenza numerica del fenomeno dei senzatetto. Sempre a coloro che cercano di minare con polemiche un'iniziativa della quale l'intera Città dovrebbe andare orgogliosa, si ribadisce che i casi di fragilità conosciuti vengono costantemente trattati e continueranno ad essere trattati direttamente dagli uffici dei servizi sociali, così come è sempre accaduto. Quello di cui parliamo oggi, invece, è un servizio in più che vogliamo rivolgere ai senzatetto, persone che, probabilmente, neanche si rivolgerebbero mai ai servizi sociali e quindi non note. Lasciando le polemiche ai pochi che le fanno, mi preme invece ringraziare i tantissimi cittadini, le attività private e le tante associazioni, oltre a quelle che compongono la Porta Sociale, che non appena hanno avuto notizia del nuovo servizio si sono messe a disposizione per dare una mano, in quella che alla fine è risultata essere una vera e propria gara di solidarietà. E' questa la Rieti che ci piace”.