Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Sacchetti Sassetti, slitta il rientro di 180 studenti dopo il crollo del controsoffitto

Luigi Spaghetti
  • a
  • a
  • a

Slitta a mercoledì prossimo, 3 ottobre, il rientro degli studenti della succursale del liceo Pedagogico nella sede della Sacchetti–Sassetti, con un ritardo di circa una settimana dalla data definita originariamente. I lavori, ad opera della Provincia pari a 98mila euro, eseguiti nell'edificio a seguito del crollo del controsoffitto del quarto piano, avvenuto a metà settembre, poco prima della ripresa dell'anno scolastico, sono in via di ultimazione. I locali andranno poi ripuliti dopodiché i ragazzi, in questi giorni ospiti dei Geometri, potranno finalmente rientrarvi. Sono 8 le classi evacuate a seguito del crollo avvenuto a pochissimi giorni dall'inizio della scuola, per un totale di 180 studenti. “Non si sono evidenziate ulteriori criticità – ha detto il dirigente del III settore della Provincia di Rieti, Sandro Orlando – siamo solo in attesa che venga certificata la regolare esecuzione dei lavori”. Disagi dunque, si spera, terminati per gli studenti anche se resta il nodo sicurezza. In un incontro aperto in Comune, i comitati e le organizzazioni sindacali avevano preso spunto proprio dall'episodio della “Sacchetti-Sassetti”, un ex monastero del XIII° secolo di proprietà comunale, la cui destinazione d'uso dunque non sarebbe quella scolastica, per chiedere la chiusura, con ordinanze del sindaco, delle scuole non sicure anche perché, a causare quel crollo, “sono state le sollecitazioni dello sciame sismico che sta interessando dal 2016 il nostro territorio”, aveva detto Orlando, tesi confermata dai tecnici dell'Ente a seguito dei sopralluoghi effettuati dopo il crollo. Dunque non è “mettendoci una pezza” che il problema si risolve tantomeno si garantisce la sicurezza degli studenti. Intanto restano in sospeso le questioni relative a provvedimenti che, cittadini e comitati, attendono dal 2016, sull'edilizia scolastica. Ilaria Faraone