Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Mafia Capitale, chiesto il rinvio a giudizio per l'ex sindaco e due funzionari

Paolo Giomi
  • a
  • a
  • a

Ci sono anche i nomi dell'ex sindaco di Sant'Oreste Sergio Menichelli e dei funzionari comunali Raniero Lucci e Marco Placidi tra i 24 indagati per i quali è stato chiesto il rinvio a giudizio nell'ambito della maxi-inchiesta su Mafia Capitale. Inserito in questa tornata, che fa capo al terzo troncone dell'indagine, c'è anche Salvatore Buzzi, il ras delle cooperative e braccio destro di Massimo Carminati, nonché uomo che direttamente e in prima persona avrebbe curato le trattative per l'aggiudicazione dell'appalto di raccolta differenziata a Sant'Oreste, con tanto di scambio di mazzette “dichiarate” (ma mai fisicamente intercettate) con l'ex primo cittadino Menichelli, e con il funzionario Placidi. I pm di Piazzale Clodio hanno chiesto il processo anche per Nadia Cerrito, ma soprattutto per Flavio Ciambella, il grande accusatore dell'ex sindaco di Castelnuovo di Porto Fabio Stefoni, anche lui indagato nell'inchiesta su Mafia Capitale, ma con una posizione via via sempre più marginale, come testimonia il provvedimento di scarcerazione emanato dal tribunale nelle settimane scorse.