Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Allaccio abusivo alla rete elettrica, imprenditore in manette

default_image

Luigi Spaghetti
  • a
  • a
  • a

I carabinieri di Antrodoco hanno tratto in arresto un imprenditore ucraino, K.S. di 43 anni. L'uomo aveva pensato bene di attaccarsi arbitrariamente ad una cassetta di derivazione posta all'esterno del palazzo ove abita, dopo aver praticato un foro dall'interno. Consumi anomali segnalati dall'Enel, hanno dato l'"imput" ai militari di indagare ed effettuare accurati sopralluoghi nei pressi dell'abitazione segnalata. tale attivita' ha permesso di smascherare l'imprenditore che non ha potuto far altro che ammettere le proprie colpe. Il personale dell'Enel ha quindi ripristinato l'allaccio abusivo mentre i militari, dopo gli ulteriori accertamenti e le formalita' di rito, hanno tratto in arresto l'uomo per furto aggravato di energia elettrica e come disposto dall'autorita' giudiziaria, e' stato sottoposto in regime di arresti domiciliari presso la propria abitazione, ma stavolta utilizzando l'energia elettrica che passa attraverso il proprio contatore. Sono in atto da parte dell'Enel, le relative attivita' atte a quantificare e contabilizzare, l'energia elettrica sottratta indebitamente. L'imprenditore, difeso dall'avvocato Francesco Tavani, è comparso questa mattina davanti al giudice per la convalida dell'arresto. Quindi il pm Raffaella Gammarota ne ha diposto la rimessa in libertà.