Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Il centrodestra prova a ricompattarsi contro Petrangeli

default_image

Marco Fuggetta
  • a
  • a
  • a

Il centrodestra decide i prossimi passi da compiere nel futuro a breve termine. Anche nel gruppo di lavoro pro-Cicchetti si confrontano varie filosofie di pensiero su cosa fare, soprattutto nei confronti dei partiti, in primis verso Fratelli d'Italia. C'è chi vorrebbe andare subito avanti come un treno, senza ascoltare le esigenze degli ipotetici alleati, chi invece consiglia calma e saggezza e punta ad aspettare senza inasprire gli animi, consapevole che con il passare del tempo le carte in tavola andranno messe da parte di tutti. Ma c'è anche chi ormai considera già scontato che nell'area del centrodestra potrebbero esserci altri percorsi che ad oggi non gradiscono, non Antonio Cicchetti - che pare a tutti, invece, una figura adatta a guidare il centrodestra - ma alcuni settori e personaggi che attorno a lui si sono coagulati in questa prima fase del cammino, sperando di ritagliarsi un ruolo in futuro. Fatto sta che, in attesa di novità, si prosegue nel lavoro. Pare confermata, innanzitutto, la manifestazione dei consiglieri comunali a fine maggio alla Sala dei Cordari per attaccare la giunta Petrangeli, in cui il palcoscenico dovrebbe essere riservato a Luigi Gerbino, Andrea Sebastiani e Sonia Cascioli. A riflettori spenti anche molti altri iniziano a muoversi tra riunioni e cene varie. Chi si schiera con Antonio Cicchetti è il coordinatore cittadino di Forza Italia, Fabio Nobili, che cerca di mettere un punto ai discorsi in atto con una nota in cui auspica un ricongiungimento "di tutte le forze del centrodestra. Noi riteniamo che Antonio Cicchetti sia la persona giusta che, in un momento di grande difficoltà economica come quello che stiamo vivendo, può dare valore, forza e sostegno a Rieti".