Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Alto prelato arrestato, nel patrimonio anche lussuosa residenza in Sabina

default_image

Luigi Spaghetti
  • a
  • a
  • a

C'è anche una residenza di Poggio Catino, del valore stimato di 530mila euro, nel ragguardevole patrimonio riconducibile a monsignor Patrizio Benvenuti, l'alto prelato di 64 anni, di origini argentine, arrestato dalla guardia di finanza di Bolzano con la pesante accusa di una truffa di 30 milioni di euro ai danni di quasi 300 persone. I soldi versati al sacerdote, destinati alla sua fondazione umanitaria Kepha - secondo l'accusa - finivano invece in un articolato meccanismo di riciclaggio tra persone, società estere e italiane. Nel patrominio di monsignor Benvenuti anche una lussuosa villa del '400 a Piombino (valore 8 milioni di euro, persino un grande sito archeologico a Selinunte (valore stimato 850mila euro) e altri immobili e terreni a Poppi, ad Arezzo (valore di 670mila euro). Nel mandato di arresto europeo è stato richiesto il sequestro anche di una villa considerevole in Corsica. E' stato infine sottoposto a sequestro il sito web della Fondazione Kepha Onlus. Con mandato di cattura internazionale è ricercato l'affarista francese, Christian Ventisette, di 54 anni, stretto collaboratore del monsignore. Il prelato, a quanto è stato accertato, stava partendo per le isole Canarie, dove risiede. Secondo gli inquirenti, della associazione facevano parte anche altre nove persone che a vario titolo collaboravano alla presunta attività illecita. L'operazione, condotta dalle Fiamme gialle altoatesine, è stata denominata “Opus”, su direzione della procura di Bolzano. Gli accusati sarebbero i “promotori e organizzatori di un'associazione a delinquere, attiva sul territorio nazionale ed estero, finalizzata alla commissione di svariati e ripetuti reati di truffa, riciclaggio e tributari, coinvolgendo persone e società collocate in Francia, Belgio, Svizzera, Lussemburgo, Stati Uniti e Italia”. L'inchiesta è partita dalla segnalazione di una suora, ex collaboratrice del prelato.