Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Asili nido, sulla gestione lo scontro diventa totale

Marco Fuggetta
  • a
  • a
  • a

Il centrodestra prepara la controffensiva sul caso Scopigno e lascia intendere che la polemica non è terminata. Anzi, si tenterà di rafforzare il "je suis Adonella" nei prossimi giorni. Se dal fronte genitori del Comitato dei genitori del Ciancarelli - guidato da Antonio Emili e composto da Cuzzocrea, Santori e Santoprete - non arrivano nuove dichiarazioni, a muoversi sarebbero alcuni consiglieri comunali di minoranza che per i prossimi giorni punterebbero, secondo indiscrezioni, quella che a loro dire è stata una "strumentalizzazione" sul passato degli asili nido. Ma intanto a far discutere è la notizia pubblicata ieri dal Corriere di Rieti della richiesta di accesso agli atti che i consiglieri comunali Bernardino De Marco ed Emanuele Donati hanno inoltrato all'Ente per far luce su come è stato gestito l'accesso alle graduatorie per gli asili nido, almeno negli anni che vanno dal 2007 al 2012. A scagliarsi contro De Marco e Donati è l'ex assessore Felice Costini che sospetta che dietro alla mossa si nasconda una “scusante a posteriori per giustificare un atto (lo spostamento di Scopigno comunque estranea alle vicende giudiziarie in corso come ha tenuto a sottolineare il suo legale, ndr) che altrimenti potrebbe essere letto come mera arroganza di potere". Resta alta anche la tensione con la Uil. IL SERVIZIO COMPLETO NELL'EDIZIONE CARTACEA E DIGITALE DEL CORRIERE DI RIETI DI MERCOLEDI' 20 GENNAIO